Macerata, 11 novembre 2016 - Il nuovo decreto che contiene misure sul terremoto nell’Italia centrale è stato inviato alla firma del Quirinale. 

Il decreto contiene il via libera all'operazione moduli abitativi da installare sui luoghi del sisma al posto delle tende. L'operazione moduli abitativi verrà portata avanti da Protezione civile, Regioni e Comuni delle zone colpite.

«I sindaci dei comuni interessati - dal terremoto - forniscono al Dipartimento della protezione civile le indicazioni relative alle aree da destinare agli insediamenti di container, immediatamente rimuovibili al venire meno dell'esigenza. In assenza in indicazioni, procede il Capo del Dipartimento della protezione civile d'intesa con i presidente delle Regioni».

Il dl autorizza poi i sindaci a portare avanti le opere di messa in sicurezza dei centri terremotati: secondo quanto si apprende, gli stessi sindaci in quest'opera potranno avvalersi di imprese e professionisti. Sempre su questo versante, nel provvedimento è prevista l'assunzione di 350 persone, per un anno, nei comuni più colpiti dal terremoto.

Per «avviare tempestivamente gli interventi di tutela e ricostruzione del patrimonio storico e artistico danneggiato» dal terremoto, «si applicano, per i lavori, i servizi e le forniture di somma urgenza relativi ai beni culturali» le disposizioni contenute nel nuovo Codice appalti. E per gli affidamenti di importo sotto i 40mila euro si potrà procedere «mediante affidamento diretto a professionisti idonei, senza ulteriori formalità».

AGRICOLTURA E ALLEVAMENTO - «Al fine di assicurare la continuità produttiva delle attività agricolo che operano in aree che hanno subito danni in conseguenza degli eventi sismici» «sono destinate risorse, fino all'importo di 500mila euro per l'anno 2016, a valere sulle disponibilità residue già trasferite all'Ismea». Il testo del decreto contiene anche misure a sostegno della commercializzazione dei prodotti agricoli, da realizzare insieme alle Regioni: lo Stato assicura il cofinanziamento regionale delle annualità 2019 e 2020 dei programmi di sviluppo rurale 2014-2010 tramite le disponibilità del fondo di rotazione. E stabilisce l'accesso a «contributi per il sostegno dei settori del latte, della carne bovina e dei settori ovicaprimo e suinicolo» per un importo unitario che dovrà stabilito con decreto del Ministro elle politiche agricole in base alla specie allevata. Le imprese che hanno subito danni certificati da un perito, potranno avere dei rimborsi per gli interventi urgenti, l'affitto di macchinari e gli acquisti.

REFERENDUM -  «In occasione del referendum costituzionale del 4 dicembre 2016, gli elettori residenti nei comuni» colpiti dal terremoto che a seguito degli eventi sismici «sono temporaneamente alloggiati in comuni diversi da quelli di residenza» «possono essere ammessi a votare nel comune di dimora». 

LIBRI GRATIS -  Libri scolastici gratis per tre anni agli alunni delle scuole di Amatrice e dei Comuni di Arquata, Accumoli e Acquasanta terme, Pescara del Tronto, colpiti dal terremoto del 24 agosto scorso: oggi l'Associazione Italiana Editori e il Miur hanno firmato un protocollo d'intesa. "Il terremoto non può toglierci nulla, nemmeno i libri. Ringrazio l'Aie per aver dato insieme a noi questo messaggio potente» ha dichiarato il ministro Stefania Giannini. E' attualmente al vaglio la possibilità di ampliare l'area di intervento anche alle nuove zone interessate dal sisma successivamente alla data del 24 agosto scorso.

ROSSA_18455307_174312