Italia News
 TV   FOTO E VIDEO BLOG SERVIZI LAVORO ANNUNCI CASA
HA DECISO IL MARITO

Paziente rifiuta le cure e muore:
primo caso di testamento biologico

La norma, vigente dal 2004, consente di morire come desidera il paziente interessato. Una donna di 70 anni, affetta da una malattia che non le dava scampo, ha deciso di rifiutare la tracheotomia. Il magistrato ha permesso alla donna di porre fine alle sue sofferenze. Ma l'Ordine dei medici ridimensiona: "Non è testamento biologico"

Dimensione testo Testo molto piccolo Testo piccolo Testo normale Testo grande Testo molto grande

Modena, 29 maggio 2008 - E' quello di Vincenza Santoro Galani, 70 anni, il primo caso modenese di applicazione della norma, vigente dal 2004, sul testamento biologico, che consente di rifiutare le cure e morire come si desidera.

La donna è morta l'altro giorno nell'ospedale di Baggiovara secondo le sue volontà: il magistrato Guido Stanzani le ha infatti concesso il permesso il 9 maggio scorso, dopo aver stabilito che il rifiuto di terapie intensive, anche salvavita, può essere espresso dall'amministratore di sostegno che affianca il paziente. 

Pertanto, quindici giorni fa, il giudice ha emesso il decreto, raro, con il quale l'amministratore di sostegno della signora Vincenza, che è il marito, è stato autorizzato a negare ai sanitari il consenso necessario per praticare la ventilazione forzata ma anche a chiedere ai medici le cure palliative più efficaci per non fare soffrire la moglie.

La paziente, originaria di Foggia, ma residente a Sassuolo, da tre mesi era ricoverata all'ospedale nel reparto di neurologia, affetta da Sla (sclerosi laterale amiotrofica). Una malattia che, lo si sapeva, non le dava scampo: lei ha comunicato a marito a ai figli l'intenzione di non essere sottoposta a tracheotomia qualora il suo stato fosse peggiorato. Una prospettiva che avrebbe consentito il collegamento al polmone artificiale, non certo la guarigione, e dunque solo un prolungamento delle sofferenze.


 Il quadro clinico
 è rapidamente peggiorato, ma la donna ha visto rispettate le proprie volontà. Un primo caso che potrebbe suonare come una speranza per i tanti Welby che ci sono in Italia: il testamento biologico c'è già, è una realtà.

 

 

LA COMMISSIONE AFFARI SOCIALI

La vera novità è il ruolo, la figura e quindi la decisione dell'amministratore di sostegno, per cui dovremo valutarlo attentamente. È il parere di Giuseppe Palumbo, presidente della Commissione Affari Sociali della Camera sul caso della donna di Modena che ha chiesto di non effettuare la tracheotomia, attraverso il marito, con l'assenso del giudice.


"Accade già che una persona possa rifiutare le cure, la legge lo consente, in particolare per gravi forme tumorali ed anche in soggetti giovani - dice Palumbo - in questo caso la decisione è stata presa da un altro soggetto, l'amministratore di sostegno, entrando nella sfera del testamento biologico. Non sappiamo bene, ad esempio, se la signora si poteva esprimere liberamente o se poteva dare solo segni di assenso o dissenso Biosogna quindi leggere attentamente il meccanismo della sentenza e valutare questa figura che apre una nuova via.
 

"È una novità che va regolamentata e che comunque è già presente in alcune proposte di legge sul testamento biologico".
 










Se il codice risultasse illeggibile CLICCA QUI per generarne un altro

 

LA FOTO DEL GIORNO

Serate Estensi

Tornano le 'Serate Estensi'

Per rievocare il ducato degli Este che per due secoli fece della città la sua capitale, dal 12 al 22 giugno tornerà la 17esima edizione di questo grande evento. Sfilata di moda, banchetti, cortei d'epoca, partite di calcio, concerti e tanto altro per festeggiare la città LEGGI LA NOTIZIA

Mister Blues

Questo pazzo
pazzo mondo

Curiosità dalla Rete

e non solo

a cura di Matteo Leonelli