Modena, 14 agosto 2017 - La notizia era nell'aria già dal ritiro di Fanano, ma l'ufficialità è arrivata solamente questa mattina. A due settimana dalla chiusura del mercato, le strade del Modena e del suo ormai ex direttore sportivo Luigi Pavarese si sono separate, con quest'ultimo che ripartirà, con le medesime mansioni, dal Campobasso in serie D dopo una permanenza di un solo anno all'ombra della Ghirlandina.

A darne la notizia è stato il club di viale Monte Kosica attraverso il proprio sito internet con un comunicato ufficiale, una nota che ha preceduto una lettera con cui Pavarese ha voluto salutare la città e che pubblichiamo di seguito:

"A causa di sopraggiunti impegni di natura professionale  e personale, sono costretto a malincuore a rassegnare le mie irrevocabili dimissioni dalla carica di Direttore Sportivo del Modena Calcio.  Questa mia inevitabile decisione , non impedirà comunque al Modena la possibilità di poter raggiungere gli obiettivi prefissati ad inizio stagione. Alla Squadra, di assoluto valore tecnico e professionale, sin qui costruita e costruenda grazie all' impegno e  agli sforzi economici del Presidente Caliendo, al quale rivolgo il mio sentito ringraziamento per l'opportunità professionale ricevuta, va inviato un sincero "in bocca al lupo" per il proseguo di questa stagione - prosegue -. Così come va assolutamente rivolto un caloroso e sentito saluto e ringraziamento alla sapiente guida di un valido ed esperto tecnico come Ezio Capuano, protagonista della sofferta ma meritata salvezza ottenuta dal Modena nella scorsa stagione".

"Non posso dimenticare di salutare e ringraziare tutti coloro che nel corso di questa indimenticabile esperienza professionale hanno collaborato con il sottoscritto:  i dipendenti , i componenti dello Staff Tecnico e Sanitario, e i collaboratori e tutti i tecnici del Settore Giovanile.  Ma un particolare sentito ringraziamento desidero rivolgerlo a Davide Mercurio, ad Angelo Forcina, ad Antonio Vistocco, a Maurizio Bratomi ed Andrea Russo. Grazie Ragazzi grazie di tutto! Ognuno di voi mi ha lasciato qualcosa. Non posso chiudere questo mio sentito e sincero commiato dal Modena senza ricordare il deciso supporto, anche e soprattutto nei momenti difficili, della storica competente ed appassionata tifoseria che ha sempre voluto sostenere il nostro tortuoso cammino".