Modena, 18 marzo 2017 - «Desidero ringraziare l’Hesperia Hospital di Modena per il felice esito delle cure prestate in occasione del mio recente ricovero». La lettera ha una firma illustre, quella del cantautore Gino Paoli, 83 anni, modenese d’adozione: l’artista, infatti, abita per gran parte dell’anno anche a Modena con la moglie Paola Penzo. Paoli, colpito da aneurisma dell’aorta addominale, era stato ricoverato nella clinica privata di zona Morane lunedì per un intervento programmato ed è stato dimesso ieri.

«In particolare – scrive Paoli – mi congratulo per la professionalità e la competenza dell’equipe di chirurgia vascolare diretta dal professor Oscar Maleti e della dottoressa Marzia Lugli, della dottoressa Carmen Pedilliaggieri, del responsabile dell’area Critica dottor Marco Meli, del responsabile del servizio di Diagnostica per Immagine professor Paolo Pisi, del responsabile della Cardiologia dottor Alberto Benassi, del responsabile della Medicina dottor Paolo Gibertini, dello Specialista della chirurgia della mano dottor Marcello Marcialis, infine del dottor Stefano Reggiani, direttore sanitario nonché di tutto il personale tecnico e infermieristico del comparto operatorio Cardiovascolare, della terapia semintensiva e del quarto piano di degenza».

Paoli ha scelto di essere operato a Modena «perchè – spiega la moglie – adora questa città, qui si sente a casa. Per questo ha scelto di affidarsi ai medici modenesi e trascorrerà qui la convalescenza. L’intervento è andato benissimo, ora ha solo bisogno di riposo». Paoli era stato invitato a partecipare come ospite, ieri sera, alla trasmissione Standing Ovation di Antonella Clerici: «Ovviamente ha dovuto rinuciare – conclude la moglie – ma presto si rimetterà e tornerà in scena». I fan possono stare tranquilli.

AGGIORNAMENTO

"L'operazione è andata bene e il paziente è stato dimesso dopo una breve degenza. Il decorso della guarigione è regolare, siamo soddisfatti". Queste le parole di Stefano Reggiani, direttore sanitario della clinica privata Hesperia Hospital di Modena. "Siamo onorati per le belle parole spese da Gino Paoli nei confronti della nostra struttura. Siamo stati ringraziati personalmente e questo si somma alla felicità per la buona riuscita dell'intervento - continua Reggiani - Ci ha scelti in quanto legati da amicizia e fiducia, in una città, Modena, dove da diversi anni il cantautore trascorre molto del suo tempo assieme alla moglie".

Gino Paoli su Facebook: "Niente di grave"