Modena, 10 agosto 2017 - Mattia Dall’Aglio è morto per un arresto cardiocircolatorio. Questo l’esito dell’autopsia che si è svolta all’interno della medicina legale del Policlinico. Gli esami sul corpo del nuotatore 24enne, originario di Montecchio in provincia di Reggio Emilia, cominciati intorno alle dodici e trenta e proseguiti per due ore circa, non hanno potuto stabilire con esattezza l’ora del decesso del giovane, avvenuto domenica all’interno di una sala adibita a palestra nei pressi della piscina dei vigili del fuoco, gestita dall’associazione ‘Amici del nuoto’.

Emerge anche che il cuore del ragazzo è stato inviato a un centro specializzato di Padova, dove saranno eseguiti ulteriori accertamenti per stabilire con maggiore precisione le cause del decesso.

Per la morte del nuotatore sono indagati, con l’ipotesi di reato di omicidio colposo (VIDEO), il presidente dell’associazione ‘Amici del nuoto’ ed un tecnico, allenatore, dell’associazione stessa.