Modena, 18 aprile 2017 - Almeno due colpi al giorno e a finire nel mirino sono sempre giovani donne oppure anziane. Ha colpito ancora lo scippatore seriale che da giorni, se non da mesi, spaventa il centro storico. Ma il suo ‘volto’ pare essere già impresso nella mente delle forze dell’ordine che lo stanno cercando e hanno una sua immagine grazie alle telecamere della videosorveglianza. Erano circa le 21, sabato sera, quando l’uomo ha aggredito alle spalle una giovane che stava camminando in Rua Pioppa, diretta in via Gallucci. La ragazza non si è accorta di nulla e si è sentita quasi trascinare a terra dal malvivente che, subito dopo, è sfrecciato verso via Emilia facendo perdere le proprie tracce.

«È sempre lo stesso che colpisce da giorni in centro – spiega Francesco, titolare della tabaccheria di via Gallucci –. Gira in sella alla vecchia bici col cestino e sabato sera se l’è presa con una ragazza straniera proprio all’incrocio con via Gallucci. Lui è arrivato velocissimo contromano, le è passato accanto e le ha strappato la borsetta davanti agli occhi terrorizzati di altri passanti. Poi, sempre ad una velocità pazzesca, ha percorso via Gallucci passando davanti alla tabaccheria. Infine è scappato in via Emilia. Fortunatamente ho le telecamere che lo hanno immortalato ed ho consegnato le immagini alla polizia». Francesco è uno dei diversi commercianti intervenuti per cercare di bloccare il malvivente. «Ho sentito le urla di quella povera ragazza ma lui se n’era già andato; subito dopo è arrivata la polizia.

Un ragazzo ha testimoniato dicendo di averlo visto in faccia e di averlo riconosciuto quale autore di altri colpi. Venerdì notte lo scippatore si è ‘macchiato’ di altri due colpi: uno in via Carteria, l’altro in via Amici. Vittime, come sempre, due ragazze una delle quali era addirittura in compagnia del fidanzato. E non c’è solo lo scippatore seriale a preoccupare commercianti e residenti del centro storico. Continua infatti anche la guerra tra ‘bande’ in Calle di Luca. Alle 18 di venerdì, infatti, davanti a decine di persone un altro ragazzo in sella ad una bicicletta ha tentato di scippare un 60enne. La vittima, però, ha avuto la prontezza di bloccarlo, facendolo cadere a terra, ma il malvivente è riuscito a dileguarsi. Notando la scena i commercianti hanno provato ad inseguirlo. «Il venerdì di Pasqua l’ennesimo caso di zingari che rubano – spiega Alessio Bardelli, titolare della Lambruscheria, presidente dell’associazione Sanfra – questa volta, invece, uno scippo in bicicletta da parte di uno dei più giovani del gruppo. Come presidente Sanfra – spiega ancora – metterò in atto ogni azione possibile per evitare che questi soliti personaggi loschi possano continuare in questa micro – criminalità che da troppi anni continua impunemente. Anzitutto è importante capire come sia possibile che queste persone – sottolinea Bardelli – dall’alba al tramonto passino le loro giornate a infastidire o ancor peggio a delinquere quotidianamente nelle nostre strade e dove e come alloggino in centro».