Jesi 24 settembre 2017 - Se c'è qualcosa da salvare della due giorni di Jesi è sicuramente la prestazione di Michele Serpilli, classe '99, contro la Termoforgia Jesi. Gettato nella mischia per l'assenza di Marco Ceron, il giovane venuto anconetano cresciuto nel vivaio biancorosso. Infila bombe e canestri, dimostrandosi all'altezza quantomeno di avversari di serie A2. Anche se a decidere il match negli ultimi secondo è un tiro della disperazione di Monaldi, dopo un fischio in attacco che ha fatto arrabbiare lo staff jesino. Finisce 86-85 per i biancorossi di Spiro Leka dopo un overtime. Perdere di nuovo contro una squadra con un americano solo (Ken Hasbrouck a riposo) avrebbe creato ulteriori malumori dopo la scoppolla di sabato sera subita dalla Poderosa Montegranaro. E' evidente che la Vuelle è una squadra tutta da costruire e l'addio di Irvin, più gli infortuni di Mika e Cerone, non hanno certo dato una mano.

Tornano a Michele Serpilli si era già mosso bene contro Montegranaro, ma nella finalina del torneo 'Le Marche a canestro' ha fatto ancora meglio, giocando da titolare vero. Applausi per lui, dubbi più in generale per la Vuelle ad una settimana dall'esordio in campionato.