Pesaro, 18 maggio 2017 - L’annuncio ufficiale con tanto di programma internazionale è previsto per lunedì. Ma, al solito, il sindaco Matteo Ricci non ha resistito, e ha voluto in qualche maniera anticipare la notizia sul suo profilo Facebook. A luglio torneranno i concerti all’aperto allo stadio Benelli.

In realtà il primo cittadino aveva anticipato le sue volontà mesi addietro quando aveva dato l’incarico a Ernesto De Filippis, organizzatore di eventi sportivi e musicali con un passato da responsabile del Bpa Palas negli anni Novanta, di creargli una vera e propria stagione musicale estiva, sulla falsariga di quella che da vent’anni va in scena all’Arena della Regina di Cattolica.

Ma siccome si considera un comunicatore furbo ha evitato di dire le cose come stanno, aggirando l’ostacolo, con questo testo un po’ criptico, un po’ esplicativo: «Vi ricordate quale è stato l’ultimo concerto all’aperto allo stadio Benelli?? Dopo trent’anni vorrei riportare i concerti allo stadio questa estate. Che artisti vi piacerebbero ? (Compatibili con la capienza dello stadio, non esageriamo) #pesaroviva #wepesaro».

Ottenendo un centinaio di risposte con i nomi di tutti i maggiori cantanti italiani del momento, in gran parte già visti all’AdriaticArena negli ultimi dieci anni. E’ evidente che il sondaggio del sindaco è totalmente estemporaneo, anzi un po’ assurdo visto che per luglio i programmi della quasi totalità dei cantanti sono già definiti, così come quello dell’estate musicale del ‘Benelli’ che sarà presentato lunedì. Ma facebook consente di prendere bonariamente in giro i propri interlocutori senza pagare pegno. Poco male.

Mentre paiono interessanti, per i nomi che circolano, le 5 serate di luglio (dal 2 al 22) che riempiranno il Benelli con una capienza attorno, se non superiore, ai 5000 spettatori. Si sussurra di una star internazionale come Anastacia, che avrebbe previsto una terza data italiana del suo tour (dopo Tortona e Marostica) e di alcuni giovani emergenti di gran moda nell’estate degli adolescenti. Il quinto appuntamento dovrebbe essere dedicato alla musica seria, lirica, classica o da film. E siamo pronti a scommettere sul coinvolgimento dell’Orchestra Sinfonica Rossini con un consistente numero di musicisti pesaresi, che non guasta.

Per Ernesto De Filippis, dopo il bagno di sangue economico della seconda sfida di Coppa Davis al Baratoff, un’altra avventura economica non da poco. Trattandosi di 5 spettacoli che a quando è dato capire saranno importanti e impegnativi e tenendo anche conto della sovrapposizione con Cattolica, dove sono in programma Cranberries, ‘LP’ e addirittura Albano e Romina in reunion. Ma lì Fb non c’entra.