HOMEPAGE > Pesaro > Coro gay, la diocesi annulla il concerto Il direttore:

Coro gay, la diocesi annulla il concerto
Il direttore: "Ora
voglio spiegazioni"

Era in programma per il 10 luglio nella chiesa dell'Annunziata, nell'ambito del festival 'Vespri d'organo'. ‘’L’Arcidiocesi - si legge in una nota - si dissocia fermamente dall’iniziativa"

| | condividi
Coro omosessuale Komos

Pesaro, 5 luglio 2010 - Avrebbero dovuto esibirsi il 10 luglio nella chiesa dell’Annunziata, come ospiti del festival 'Vespri d’organo a Cristo re'. Ma l’Arcidiocesi di Pesaro ha annullato il concerto dei venti ragazzi (tra i 19 e i 42 anni) del coro omosessuale Komos di Bologna. Solo venerdì l’annuncio del ritorno del gruppo in una chiesa cattolica a un anno dai dissapori con la curia bolognese. Ieri la marcia indietro, attraverso un comunicato stampa, dell’Arcidiocesi pesarese (che attraverso l’Ufficio dei Beni culturali ha dato il suo patrocinio alla settima edizione della manifestazione), che "si dissocia fermamente dall’iniziativa inserita nella manifestazione, in programma per il 10 luglio": il concerto del coro Komos, appunto.

 

"Tale esibizione, pertanto, viene annullata", conclude perentoria, la nota. A luglio 2009 il coro era stato allontanato dalla chiesa di Bologna dove teneva le prove, per decisione dell’arcivescovo Carlo Caffarra, il quale aveva fatto riferimento al documento della Congregazione per la dottrina della fede sugli omosessuali, firmato nel 1986 dall’allora cardinale Joseph Ratzinger. Verosimilmente queste sono anche le motivazioni di monsignor Piero Coccia. Paolo Montanari, 27enne modenese, è il direttore e fondatore (nel 2008) del coro gay maschile Komos.

 

"Concerto annullato? Veramente? Lo apprendo da voi in questo istante - ha risposto esterrefatto al telefono -. L’organizzazione dell’evento ci aveva contattato mesi fa. Stavo già facendo pubblicità tra gli amici e conoscenti marchigiani". E’ interdetto e dispiaciuto: "Ci avevano chiamati perché interessati alla qualità musicale del nostro coro, non per le ragioni sociali del progetto Komos, che certamente ci sono, ma non sono le uniche; noi prima di tutto facciamo musica, perché amiamo la musica". Paolo è diplomato in oboe, ha alle spalle studi di composizione e canto e una laurea al Dams di Bologna con una tesi in drammaturgia musicale.

 

Tra gli scopi del gruppo, come si legge sul sito internet, c’è anche quello di "promuovere la cultura omosessuale attraverso la musica". Ma "non è che ogni volta che ci esibiamo facciamo una conferenza sui dirittti gay", precisa Montanari. "Cosa vuol dire che l’Arcidiocesi si dissocia... Noi cantiamo, che male potevamo fare a Pesaro? Sembra che essere aperti e tolleranti in questo momento storico non sia molto di moda. Evidentemente anche la Chiesa si adegua allo spirito dei tempi. Avremmo dovuto essere avvisati per tempo e non venirlo a sapere da una giornalista". Poi ci tiene a precisare che "i cattolici non sono tutti omofobi", "A me - conclude Paolo Montanari - piacerebbe essere giudicato per la qualità musicale, punto e basta". In serata ha richiesto spiegazioni alla diocesi di Pesaro attraverso una mail.

Daniela Battistini

comments powered by Disqus

Oggi 18°
Domani 18°
Previsioni a cura del centro Epson Meteo
Articoli correlati
ProntoImprese
oggi
domani
Mediocre
Accettabile

Tutte le previsioni


Visualizza tutti gli annunci

02/12/2011 - Pesaro

Addetto reparto serigrafia

Società Operante Nel Settore Del Vetro

25/11/2011 - Pesaro

Commesse

Nero Giardini

25/11/2011 - Pesaro

progettista esperto nell'uso di modellatori solidi 3D

Primaria Azienda Prefabbricati Per Mobili

18/11/2011 - Pesaro

Venditori

Lubrione-Consulmarche

Ricerca avanzata annunci

CECCOLINI LIDIA

annuncio

PETRILLO MASSIMO

annuncio

MANZONI TULLIO

annuncio

MANZONI TULLIO

annuncio

FACCILONGO GIOVANNA

anniversario

MILANI UMBERTO

ringraziamento

RUPALTI LEANDRO

anniversario

PANICI DANTE

ringraziamento

GABANI MIRKO

anniversario

il Resto del Carlino su Facebook