Cagli (Pesaro-Urbino), 29 maggio 2017 - La madre Stella, il padre Marco di Cagli e poi il dottor Massimiliano Mecozzi di Monteciccardo. La procura di Urbino li accusa di aver concorso alla morte per negligenza e imperizia del piccolo Francesco, 7 anni, ucciso da un’otite degenerata in ascesso cerebrale dopo esser stata curata per quindici giorni con delle strane goccine piuttosto che con antibiotici. I carabinieri hanno bussato alla porta della loro casa all’1.30 della notte scorsa, sequestrando cellulari, computer, farmaci. Dalla lettura di quei dati si capirà che cosa sia successo nelle ultime due settimane di vita del bambino, che accusava una forte otite da un orecchio poi passata anche all’altro. 

Garattini: "Via i medici che prescrivono l'omeopatia"

I genitori non hanno chiamato la pediatra di famiglia ma il dottor Mecozzi, omeopata (ma non ha mai dimostrato all’Ordine dei medici che titoli abbia sull’argomento) dal quale si facevano seguire abitualmente. Il medico ha subito ordinato di curare il bambino con dei ritrovati omeopatici che hanno lasciato dilagare l’infezione fino a farla arrivare al cervello.

E persino la mattina di martedì scorso, il giorno stesso dell’entrata in coma del bambino, il dottor Mecozzi è andato a casa della famiglia a Cagli dicendo che il piccolo era in fase di guarigione. 

Ma ha fatto anche altro. Mecozzi ha cercato di frenare i genitori dal ricoverare il bimbo in ospedale fino all’ultimo secondo: «Se fosse mio figlio non ce lo porterei» ha ripetuto alla madre del piccolo Francesco. Il quale era già in stato di semincoscienza.

E Mecozzi ha pure parlato col medico del 118 arrivato in casa della famiglia per trasportare il bambino all’ospedale di Urbino. Ha cercato di farlo desistere e comunque di ostacolare il trasporto all’ospedale. Il sanitario del pronto intervento ha imposto l’immediato trasferimento iniziando a somministrare al piccolo tachipirina per l’alta febbre. Ma improvvisamente si è trovato di fronte alla resistenza della mamma che non voleva venisse dato quel farmaco così come da indicazioni di Mecozzi.

Il sanitario del 118 ha tirato dritto. E solo a quel punto Mecozzi si è arreso, chiudendo il telefono. Ma per Francesco era ormai tutto inutile.

Oggi il dottor Pesaresi dell’istituto di Medicina legale di Ancona effettuerà l’autopsia sul corpo di Francesco, da cui i medici hanno espiantato fegato, cuore, polmoni.

La famiglia ha nominato un proprio consulente di parte per assistere alle operazioni. Così come è probabile che faccia il medico. Il quale alcuni anni fa aveva abbandonato la professione medica per diventare facchino in un supermercato di Varese. Era un aderente a 'Roveto ardente' con la sede in quella città. Poi 'Roveto' si è sciolto e Mecozzi è tornato a fare con grande successo il medico omeopata a Pesaro.