Urbino, 25 maggio 2017 – Un bimbo di 7 anni martedì notte arriva in Pronto Soccorso a Urbino semi incosciente, con febbre e un ascesso cerebrale: da 2 settimane soffre di otite ed è stato curato con prodotti omeopatici che non hanno impedito la formazione di pus fino alle pareti del cervello.

Una situazione grave, anzi gravissima.

Immediatamente il medico del Pronto Soccorso ha preso in carico il bimbo cercando di fare tutto il possibile.

In tale patologia, l’omeopatia ha potuto fare ben poco per guarire il bimbo, anzi ha permesso la degenerazione delle condizioni: il bambino è arrivato da Cagli a Urbino alle 2 di notte e al Pronto Soccorso di Urbino dove, spiegano i sanitari, sono state eseguite tutte le procedure d’urgenza.

Alle 4, dopo tutti gli esami e l’assistenza prestata al Pronto Soccorso di Urbino, presi gli accordi e sentito anche il neurochirurgo, il piccolo è potuto partire in ambulanza verso l’ospedale Salesi di Ancona, accompagnato dall’anestesista.

Al Salesi il piccolo è stato operato per ridurre l’ascesso, sottoposto a cura antibiotica e portato nel reparto di Rianimazione.