Pesaro, 10 febbraio 2018 - Si chiama Mercurio, è il collaudatissimo sistema informatico della Polizia di Stato in dotazione alle Volanti che diventa una piccola sala operativa viaggiante. Mercurio sa moltissime cose: quali sono le vie più bersagliate dei ladri in una città, quali sono gli obiettivi sensibili (ad esempio abitazioni sotto sorveglianza perchè i proprietari sono stati minacciati), comunica in tempo reale con la sala operativa della Questura, in caso di emergenze anche con immagini che fanno vedere alla questura cosa sta accadendo all'equipaggio. 

Tra le sue funzioni più importanti ed efficaci a livello di prevenzione del crimine, quella di leggere, tramite una telecamera montata sull'auto di servizio, le targhe di auto rubate, smarrite o clonate. Mercurio è in grado di leggere oltre 200 targhe all'ora. Con un doppio archivio: quello del Ministero dell'Interno e quello dell'Ania, l'associazione nazionale delle imprese assicuratrici: il primo segnala auto rubate o smarrite o clonate, il secondo quelle che viaggiano senza nessuna assicurazione.

Abbiamo registrato, in presa diretta, questa mattina, un inseguimento su una Volante del reparto Prevenzione crimine in sostegno alla questura di Pesaro: parte la sirena appena il tablet segnala, con un bip di allarme, che è appena passata una macchina senza assicurazione. La Volante si mette all'inseguimento. Poco dopo, il mezzo verrà fermato, e si procede alle contestazioni.