Urbino, 16 giugno 2017 - Il suicidio di Giacomo Guidi, figlio del fondatore del marchio di abbigliamento Piero Guidi, che avrebbe compiuto 45 anni in novembre e che si è sparato nella sua casa di Urbino, ha gettato nello sgomento e nel dolore un'intera comunità. Numerosi i messaggi di cordoglio tra cui quello del sindaco di Urbino, Maurizio Gambini, che scrive: "La morte di Giacomo ci ha colpiti tutti nel profondo. A nome dell'amministrazione comunale e di tutta la città porgo sincere condoglianze alla famiglia Guidi ed esprimo profondo dolore per questa grave perdita che tocca l'intera nostra comunità".

E poi il ricordo di Giacomo, "una persona creativa, dall'animo sensibile, sempre alla ricerca di intuizioni e idee nuove che guardassero al futuro. La sua morte colpisce tutta la città. Giacomo, insieme al padre Piero e alla sua famiglia, è sempre rimasto profondamente legato al nostro territorio: dove l'azienda è nata, lì ha voluto rimanere con le radici ben salde e lo sguardo rivolto verso il mondo".

Il primo cittadino scrive ancora che Giacomo "con il marchio 'Piero Guidì ha comunicato, insieme al padre e alla famiglia, Urbino nel mondo. Lo stesso ha fatto per ben 12 anni con il premio Urbino Press Award, che lui stesso ha contribuito a ideare e far crescere, arrivando ad allacciare relazioni internazionali tra la nostra città e gli Usa".

E oggi è arrivata anche la comunicazione del rinvio del Palio dei Trampoli di Schieti, giunto alla XX edizione. La manifestazione, diventata famosa per la sua caratteristica corsa sui trampoli, si terrà quindi nei giorni 23, 24, 25 giugno.

Il funerale è previsto domani, sabato 17, alle ore 10 nella chiesa parrocchiale di Ca' Mazzasette.

Nel video qui sotto, Pete Bennett, già promoter musicale dei Beatles, Rolling Stones, Bob Dylan, Frank Sinatra e svariati altri, racconta chi è per lui Giacomo Guidi in un video dell'ottobre 2012, girato a New York.

image