Pesaro, 21 novembre 2017 - "L'arretramento della ferrovia Pesaro-Fano è possibile. Il ministro delle Infrastrutture Delrio è pronto a indicare quest'opera come scelta strategica". È uno dei passaggi salienti della relazione del sindaco di Pesaro Matteo Ricci durante il convegno 'Pesaro 2030' organizzato dal Comune oggi pomeriggio nella sede di Confindustria. Ricci ha delineato le scelte urbanistiche strategiche dell'amministrazione comunale, le opere pubbliche in programma, il recupero dei 'grandi contenitori' cittadini ed, appunto, la strategia portata avanti insieme al Comune di Fano per l'arretramento della ferrovia Pesaro-Fano.

"Si è aperta una finestra sull'arretramento della ferrovia: un'ipotesi che fino a qualche tempo fa sembrava folle - spiega Ricci -. Ne stiamo parlando in maniera seria perché il ministero delle
Infrastrutture ha finanziato il potenziamento della Bologna-Bari. Non sarà un'alta velocità ma una media velocità. Ora i progettisti di Rfi stanno sviluppando i progetti per potenziare l'elettrificazione della linea ferroviaria ma si sono accorti che dopo Cattolica il potenziamento sull'attuale tracciato non è possibile. È qui che Pesaro e Fano possono inserirsi per chiedere un arretramento del tracciato. Non più lungo la costa ma vicino all'autostrada. La stazione potrebbe sorgere tendenzialmente nei pressi di Villa Fastiggi".

Ricci ne ha già parlato con il ministro Graziano Delrio. "Se Ferrovie dello Stato ufficializzerà l'impossibilità di potenziare la ferrovia in quel tratto con l'attuale tracciato l'impegno del ministro è di
promuovere un accordo tra Stato, Regione, Comuni e Ferrovie per indicare l'arretramento tra Pesaro e Fano come scelta strategica prima della fine della legislatura - conclude -. Abbiamo ancora
qualche mese davanti per farcela. È un progetto che riguarda i prossimi decenni ma che si gioca adesso".