Pesaro, 19 giugno 2017 - “Stanzieremo per Pesaro 7,7 milioni di euro, a fronte dei 20 milioni complessivi previsti per la realizzazione delle opere, al massimo dell’efficientamento energetico, richieste dal sindaco Ricci, poiché questa città possa diventare un modello per tutte le altre amministrazioni comunali”. Lo ha annunciato questa mattina, in via Lamarmora, il presidente del Gse Francesco Sperandini, all’appuntamento pubblico con il premier Paolo Gentiloni, con il presidente della Regione Luca Ceriscioli e con il sindaco di Pesaro, Matteo Ricci.

Dopo un breve saluto delle istituzioni, sono state posate le prime tre pietre simboliche nell’Istituto che dovrebbe essere inaugurato l’anno prossimo, “perché i soldi sono già stati stanziati, siamo in gara e per questo siamo estremamente soddisfatti” — ha dichiarato il sindaco di Pesaro. Seconda tappa dell’incontro istituzionale, in via Togliatti, dove è stato inaugurato, alla presenza del presidente della Federazione italiana Penthatlon Moderno, Valter Magini e del Coni, Giovanni Malagò, la nuova piscina (3. 269 mq di superficie) che aprirà al pubblico a settembre.

Sei le strutture interessate dagli interventi di riqualificazione: la nuova scuola media di via Lamarmora (1.057mq) insieme alla nuova palestra scolastica (1300 mq), la piscina di via Togliatti, il nuovo bocciodromo comunale di via dell’Acquedotto (1.734 mq), la palestra della scuola media Dante Alighieri (650 mq) e infine, l’ex palazzetto dello sport di viale dei Partigiani (3.450 mq).

image

“Poche cose sono importanti come quella di poter costruire una nuova scuola - ha esordito il premier Gentiloni, dalla tensostruttura di via Lamarmora, dove erano presenti tutte più importanti autorità locali, insieme a esponenti del mondo della scuola - e voi dovete esserne orgogliosi, poiché essa vanterà il primato dell’efficienza energetica; ha fatto bene il sindaco Ricci a ricordare che vivete in una città all’avanguardia, anche io conosco bene la storia della vostra bicipolitana", ha precisato il premier. Poi conclude: “Mi auguro che questo modello di collaborazione che il comune di Pesaro e Gse offrono, venga seguito anche da tutte le altre città italiane”.

Intanto dal Gse sottolineano: “In massimo due anni verranno erogati tutti gli incentivi; i soldi stanziati sono già alla fine della fase istruttoria. Il finanziamento avverrà in due o più tranche, a inizio e fine lavori”.