Pesaro, 22 ottobre 2017 - Cade l’imbattibilità stagionale dello stadio Benelli. La Vis perde la sua prima gara casalinga con un clamoroso 2-4 al termine di una gara stranissima. In cui i pesaresi creano tanto, ma vengono puntualmente puniti in ogni episodio in cui gli avversari possono fare male. Esulta la Vastese che aggancia in classifica la Vis trovando la sua quarta vittoria consecutiva
Vastese che passa in vantaggio quando, dopo 21 minuti, Bittaye fugge sulla fascia e disegna un cross che trova l’irruzione vincente di Stivaletta che fa 0-1.
E’ uno svantaggio che scuote la Vis. Che dopo otto minuti ristabilisce la parità con Olcese che si guadagna un calcio di rigore trasformato dallo stesso centravanti argentino.
La Vis preme, annusa il vantaggio, ma è di nuovo la Vastese a rimettere fortunosamente il muso avanti quando, al 39esimo, Pizzutelli disegna dalla distanza un tiro senza troppe pretese che trova la deviazione decisiva di Cacioli che manda fuori tempo Marfella riportando gli abruzzesi in vantaggio.
L’avvio del secondo tempo mette sale sulle ferite della Vis. Che parte fortissimo, ma viene prima annichilita dal secondo autogol di giornata - la barriera devia imparabilmente una punizione di Fiore – e poi dalla doppietta di Stivaletta che fa 1-4 di testa su calcio d’angolo.
Ci penserà poi il subentrato Alessandro Rossi ad addolcire la pillola trovando il 2-4 su calcio di punizione. La Vis domenica proverà a rifarsi ancora in casa, contro il Monticelli.