Ravenna, 12 gennaio 2018 -  Il primo come direttore lavori di Hera spa, e l'altro in qualità di assistente di cantiere. Gli arrestati nell'abito della clamorosa indagine della finanza, sono Andrea Galliani, 52 anni, nato a Faenza ma residente a Bologna. E Roberto Gambetti, 61 anni, di Massa Lombarda. I due si trovano entrambi ai domiciliari nelle rispettive abitazioni. Nelle indagini coordinate dai pm Alessandro Mancini e Monica Gargiulo, devono rispondere a vario titolo di concussione e di induzione indebita a dare o promettere utilità a imprenditori (articoli 317 e 319 quater del codice penale).

Gambetti, si legge nell'ordinanza a firma del Gip Antonella Guidomei, fino al 2013 aveva ricoperto la carica di assessore comunale a Massa Lombarda con deleghe a Lavori pubblici, Viabilità e Sviluppo sostenibile. Inoltre risulta rappresentante legale di un'associazione, 'Centro di quartiere Fruges', che ha organizzato diversi eventi con il circolo locale del Pd 'Fernando Calamelli'. Tanto che tra i 21 capi d'accusa delineati dalla Procura, ne figurano due, entrambi però non accolti dal Gip tra i motivi della custodia cautelare, che fanno riferimento a feste Pd.

In particolare secondo i Pm, Gambetti, abusando dei poteri legati alla sua mansione in Hera, avrebbe indotto nell'ottobre 2015 il legale rappresentante di un srl cesenate impegnata in lavori per Hera a realizzare una sponsorizzazione di 1.500 euro per un evento del Pd a Massa Lombarda. Quindi nel dicembre di quello stesso anno avrebbe fatto cosa analoga - prosegue l'accusa - con un'impresa imolese, inducendo il titolare a promettere un bonifico per un evento del Pd sempre a Massa Lombarda.

Hera: "Noi estranei ai fatti, dipendenti sospesi"