Ravenna, 8 luglio 2017 -  Una notte lunga, tanto attesa, insperata, ma con la tensione che non l’ha abbandonata per un secondo tanto da non farle chiudere occhio. Ha trascorso una notte insonne Daniela Poggiali, la 45enne infermiera assolta dall’accusa di avere ucciso nell’aprile 2014 Rosa Calderoni, 78 anni, con un’iniezione di potassio all’ospedale Umberto I di Lugo, dove allora prestava servizio.

La prima notte libera dopo 1003 giorni trascorsi nelle carceri prima di Forlì e poi di Bologna. Ieri sera dopo aver lasciato la casa circondariale della Dozza (FOTO e VIDEO), la Poggiali è tornata in Romagna, nella sua Giovecca, ha riabbracciato la madre e poi ha chiesto al fidanzato Luigi di portarla a ballare in una festa della zona. E ovviamente Luigi l’ha accontentata.