Ravenna, 20 giugno 2017 - Il Comune di Ravenna si costituisce parte civile nel processo penale a carico dell’imputato Matteo Cagnoni. Nella mattina del 20 giugno, la giunta ha approvato la relativa delibera. La volontà di procedere in questo senso si fonda nel rispetto dello Statuto del Comune di Ravenna, atto primario che recita i principi fondamentali e le finalità delle azioni del Comune tra le quali la promozione dei valori sociali di cui la comunità è espressione, con particolare riferimento alla tutela della vita, della persona e della famiglia.

Ravenna, omicidio Ballestri, il video di Cagnoni che fugge dalla finestra

Sempre nel rispetto dello Statuto, la costituzione di parte civile è diretta applicazione dell'articolo 4, comma e) che persegue l'obiettivo di contrastare fenomeni di violenza alle donne assicurando, per quanto di competenza, il sostegno e la tutela delle vittime, con possibilità di costituirsi parte civile.