Castellarano (Reggio Emilia), 5 ottobre 2017 - Erano incensurati, ma equipaggiati di tutto punto e pronti a tutto. Un barbiere, un meccanico e due operai, tutti della zona e senza precedenti, sono stati denunciati dai carabinieri perché avevano tentato di rubare gasolio da camion parcheggiati in una cava di Castellarano.

A bordo di auto e muniti di taniche, imbuti e pompe, i quattro hanno raggiunto l'altra notte il luogo dove travasare il combustibile ma uno dei titolari della cava, casualmente di passaggio, ha dato l'allarme. I ladri, alla vista dei carabinieri, hanno abbandonato due vetture e tutto il materiale per compiere il furto, comprese alcune ricetrasmittenti, dei passamontagna e una pistola scacciacani con sei colpi a salve inseriti.

Alcune delle taniche trovate erano già state riempite di gasolio. I militari dell'Arma sono risaliti ai quattro uomini a partire dagli intestatari dei veicoli. Ora i quattro - un barbiere 22enne, un meccanico e un operaio di 25anni residenti a Reggio, e un operaio 21enne abitante a Rubiera - devono rispondere di tentato furto aggravato in concorso.

Nei confronti del barbiere è scattata anche una denuncia di porto abusivo di armi per la pistola scacciacani recuperata dai carabinieri e anche per un coltello che gli è stato trovato.