Novellara (Reggio Emilia), 17 aprile 2017 – Una donna rumena di 33 anni, in Italia senza fissa dimora, è stata denunciata non solo per il furto di una borsetta, ma anche per l’indebito utilizzo della carta bancomat che vi era all’interno. Il furto era avvenuto ai danni di una impiegata cinquantenne reggiana residente a Novellara,, vittima di un borseggio valso un bottino di documenti personali, bancari e 200 euro. La ladra è riuscita pure a prelevare col bancomat altri 250 euro. Ma le indagini dei carabinieri di Novellara, che hanno ricevuto la segnalazione del furto, hanno individuato la donna rumena, grazie al filmato registrato nell’orario dell’indebito prelievo allo sportello bancomat. Una immagine ritraeva il volto di una donna rumena che è stata immediatamente riconosciuta dai militari, in quanto nota per altri simili reati. A quel punto è scattata la denuncia.