Campagnola (Reggio Emilia), 01 dicembre 2017 – Folla nella chiesa di Campagnola per l’addio a Federico Malavasi, 16 anni, trovato privo di vita nella sua abitazione, mercoledì pomeriggio, a Campagnola. Per tutta la durata della messa il padre Stefano è rimasto in piedi, immobile, con le mani appoggiate alla bara bianca (FOTO). Attorno a lui i familiari, la nonna, la madre, la sorella maggiore appena diventata mamma, i volontari della Croce rossa di Novellara, Guastalla e Correggio, dove Federico aveva militato con grande impegno, i compagni di scuola dell’istituto Carrara con gli insegnanti (VIDEO).

L'addio a Federico Malavasi

A presiedere la messa è stato il parroco di Novellara, don Giordano Goccini, impegnato anche nella pastorale giovanile. Don Giordano ha ricordato con affetto la figura di Federico, invitando a riflettere sulle fragilità della vita e sulle carenze dell’uomo nel nutrire gli altri come vorrebbero, tra sogni e speranze, che talvolta si infrangono in modo tragico.

Durante la messa dall’altare hanno parlato anche i volontari della Croce rossa, con preghiere e ricordi. E poi gli amici di scuola del Carrara, gli insegnanti. Alla fine della messa il saluto della Croce rossa, ma anche dei vigili del fuoco, con il suono delle sirene dei veicoli di emergenza. Accanto alla bara, abbracciata da papà Stefano, pure Jennifer, il cane di ricerca persone a cui Federico era molto affezionato e che aveva contribuito ad addestrare. Infine, il lancio di palloncini bianchi e un lungo corteo, fino al cimitero.