Brescello (Reggio Emilia), 14 giugno 2017 – Quattro genitori sono stati denunciati dai carabinieri di Brescello per non aver mandato i figli a scuola, contravvenendo così all’obbligo di istruzione per i figli minori. L’attività, condotta in collaborazione con l’Istituto comprensivo di Poviglio e Brescello, ha consentito di accertare violazioni per sei casi, riguardanti altrettanti studenti minorenni che, nell’anno scolastico appena ultimato, hanno abbandonato gli studi prima del compimento del sedicesimo anno di età, previsto dalla legge. Si tratta minorenni già iscritti alla scuola dell’obbligo di Poviglio-Brescello che, secondo quanto accertato dai carabinieri, dal mese di gennaio non hanno più frequentato la scuola.

Alla luce di quanto accertato un 35enne e la moglie 30enne insieme a un 44enne e la moglie 40enne, tutti residenti nella Bassa, sono stati denunciati alla Procura per il reato di inosservanza dell’obbligo di istruzione nei confronti dei loro figli.

Il monitoraggio, che proseguirà anche nel prossimo anno scolastico, si aggiunge ai periodici incontri che i carabinieri organizzano con gli studenti nell’ambito del progetto “cultura della legalità” per sensibilizzare i giovani sul rispetto delle regole e delle persone. Proprio durante uno di questi incontri i carabinieri di Brescello hanno recepito l’assenza di sei ragazzini verificando poi, grazie alla collaborazione con l’istituto scolastico, la loro mancanza da scuola dall’inizio dell’anno. Avviate le indagini e trovati i dovuti riscontri i carabinieri di Brescello hanno denunciato i rispettivi genitori.