Reggio Emilia, 6 agosto 2017 - «MA quale razzismo, qui si tratta semplicemente di obiettività. L’albergatore romagnolo ha fatto benissimo a dire no al ragazzo di colore come cameriere. Non si deve scusare di nulla. Io faccio lo stesso tipo di scelta per il mio locale. È tempo di dire basta a questo strisciante buonismo: è preoccupante e persino pericoloso». A sostenerlo è Sergio Rossi, titolare del Ca’ di pom, bar-risto di via Roma a Reggio Emilia.

La sua è una presa di posizione destinata perlomeno a far discutere...

«Ne sono consapevole. Ma voglio rompere questa patina di ipocrisia che ammorba la questione immigrazione».

Per il suo locale quindi niente camerieri di colore?

«Proprio così. Faccio l’imprenditore e cerco di scegliere per la mia attività ciò che mi fa guadagnare, dai prodotti al personale».

E queste scelte passano dal rifiutare un lavoratore con la pelle nera?

«Ascolti bene. Non assumerò mai un uomo: i miei clienti sono maschi e vogliono una donna. E non assumerò mai un nero perché siamo più razzisti di quanto crediamo. Lo faccio nel mio interesse, nell’interesse della mia attività».

Cosa succederebbe se assumesse un lavoratore con la pelle scura?

«Equivarrebbe a perdere il 90% del mio incasso. Smettiamo di fare i buonisti a tutti i costi e facciamo un tuffo nella realtà».

È così sicuro che perderebbe clienti?

«Non ho la controprova, ma preferisco non rischiare».

Ma lei non assume persone di colore perché pensa non siano bravi a fare i baristi?

«No, sarei uno stupido a crederlo. Gliel’ho ben spiegata la ragione...».

Chi lavora nel suo risto-bar?

«Una cameriera italiana, molto carina. Che spesso devo scortare alla macchina perché viene puntualmente provocata, in ogni modo, dai tantissimi stranieri che gravitano nella zona. E ha il terrore a rimanere sola, specialmente quando cala il buio».

Le è capitato che ragazzi di colore portassero il curriculum?

«Certo. E io ho risposto subito: ‘No, grazie’. Non do nessuna inutile speranza. Per il mio bar non assumo uomini o persone di colore. E non ho paura a dirlo».

E non crede che questo sia razzismo?

«No, è una scelta imprenditoriale. E poi basta con questa parola...».

In che senso?

«Non bisogna temere di essere tacciati di razzismo solo perché si è lucidi e obiettivi. Ormai quella parola è diventata un’arma per zittire le critiche. Ma basta aprire gli occhi per vedere come stanno le cose».

E lei cosa vede?

«Ormai si tollera dagli extracomunitari quello che non si è disposti a sopportare dagli italiani. E questa è una cosa gravissima. Perché gli stranieri se ne approfittano. Sono persone intelligenti, conoscono diverse lingue e tutti i loro diritti: sanno perfettamente come muoversi. Ormai anche la giustizia pare essere a due binari: pene pesanti per gli italiani, più leggere per gli extracomunitari».

Lei teorizza una sorta di razzismo al contrario...

«Esattamente. E i risultati sono drammatici».

A quali risultati si riferisce?

«Il mio bar è in via Roma, una zona centrale della città. Ma qui non passano ormai più italiani, e le donne non vengono neppure quando ci sono le iniziative estive. Hanno paura. Non è certo questa la società che vogliamo».