Notizie Rimini
 TV   FOTO E VIDEO BLOG SERVIZI LAVORO ANNUNCI CASA
PERSONAGGI

Mamma Martina senza veli e sexy
per il magazine maschile più famoso d’Italia

L'ex-Miss Italia dona al Bel Paese altri 12 scatti di pura bellezza. Ma il nuovo calendario di Max non è tutto, il suo sogno è la recitazione, meglio se in un film drammatico, magari accanto a Virna Lisi

Dimensione testo Testo molto piccolo Testo piccolo Testo normale Testo grande Testo molto grande

Riccione, 3 ottobre 2008 - Martina Colombari si toglie nuovamente i veli per Max. L’avevamo vista così pochi anni fa, quando il più noto magazine maschile, aveva deciso di regalare all’Italia i suoi più bei dodici scatti realizzati da Giovanni Gastel, per il calendario Campari 2006. Ieri la copertina del mensile è stata nuovamente tutta sua.

 

Tra le pietre di Pantelleria, il fotografo Fabrizio Ferri, l’ha immortala in splendida forma, senza veli, con la pelle baciata dal vento e da polvere dorata. E la trentatreenne, Miss Italia 1991, lascia tutti ancora una volta a bocca aperta. " Non avevo mai lavorato con Ferri — ammette nell’intervista su Max, la Colombari —. Ha voluto conoscermi prima di fotografarmi e io mi sono fidata di lui. La qualità delle foto mi sembra che lo dimostri. Non mi piaccio quando mi vedo finta e moscia nell’espressione. Queste mi sembrano molto belle".

 


Ma per la bionda di Riccione, moglie dell’ex calciatore rossonero Alessandro ‘Billy’ Costacurta, e mamma di Achille, il futuro non è solo bellezza e foto d’effetto. Il suo sogno è la recitazione, meglio se in un film drammatico e accanto a Virna Lisi. E l’esperienza e determinazione non le mancano di certo.

Rita Celli










Se il codice risultasse illeggibile CLICCA QUI per generarne un altro

 

LA FOTO DEL GIORNO

valmarecchia softball

Le Piranhas in odor di Coppa per il secondo anno consecutivo

Dopo aver espugnato il diamante della New Bologna alle fameliche ragazze del Valmarecchia softball rimane da 'addentare' solo il Modena

LEGGI L'ARTICOLO

Pancia da birra

DAL WEB

Questo pazzo
pazzo mondo

Curiosità dalla Rete

e non solo

a cura di Matteo Leonelli