Rimini, 22 marzo 2017 - Ventotto gironi in tutta Italia e in due hanno già festeggiato. Il Rimini domenica potrebbe essere la terza squadra a mettere la mani sul campionato di Eccellenza e fare il salto in serie D. Hanno già fatto il proprio dovere il Tortolì (girone unico) e il Montevarchi. Con 69 punti i sardi hanno conquistato la promozione con tre giornate d’anticipo battendo la concorrenza del Budoni secondo della classe a quota 54. Con 15 punti di vantaggio sulla seconda anche i toscani del Montevarchi hanno fatto festa con 56 punti a 360 minuti dal termine della stagione battendo senza troppi problemi la concorrenza della Bucinese che insegue a 41.

Nel girone B dell’Emilia Romagna, l’unico a 20 squadre e quindi con una marea di partite stagionali, la vittoria del campionato per la squadra di Mastronicola è una formalità con 17 punti di vantaggio sulla seconda in classifica. Un distacco abissale. Pronti a cantare insieme ai propri tifosi in Trentino Alto Adige c’è anche il Trento che a sei partite di vittorie dallo stop al campionato vanta 12 punti di distacco dal Bozner. Poco in bilico la situazione anche nel girone unico del Friuli. La serie D è alle porte per il Cjarlins con i suoi 60 punti (a 49 c’è la Gemonese). Tutto ancora da decidere nei due gironi del Veneto. Ambrosiana e Clodiense staccate di due punti si giocano la promozione sul filo di lana, proprio come Union San Sergio e Liventina nel girone B. Finale di stagione da brivido anche in Sicilia, proprio come in Abruzzo.

Martinsicuro e Nerostellati sono staccati di un solo punticino a cinque giornate dalla fine della stagione. A due passi da casa nostra, nelle Marche, la Sangiustese si avvicina al traguardo con sette punti di vantaggio sul Fabriano. Finale tutto da vivere in Lombardia nel girone A con il Pavese che proverà fino all’ultimo ad appropriarsi del primo posto ora dell’Arconatese. In Umbria testa a testa tra Villabiagio, ancora impegnata anche in Coppa Italia, e Spoleto staccate di due punti a cinque giornate dal traguardo. Il Rimini di mister Mastronicola si guarda intorno, pensa già alla serie D e inizia a preparare la festa che, se non sarà domenica al ‘Neri’ nel derby con la Marignanese, sicuramente non tarderà ad arrivare.