Bellaria Igea Marina (Rimini), 14 luglio 2017 - La Guardia di Finanza denuncia 18 titolari di strutture commerciali sul litorale per illeciti penali e violazioni amministrative in materia demaniale e paesaggistica. I militari della stazione navale, al termine di lunghe e complesse indagini durate circa due anni, scaturite dallo sviluppo di accertamenti fiscali condotti sui tributi locali dovuti dai concessionari demaniali marittimi, hanno segnalato all’autorità giudiziaria 18 titolari di strutture commerciali insistenti sulla fascia costiera demaniale del comune di Bellaria - Igea Marina per varie violazioni sia di natura ammnistrativa che penale.

Sotto il primo aspetto i finanzieri hanno rilevato il mancato accatastamento di diciotto immobili ad uso commerciale e hanno constatato e segnalato all’amministrazione comunale tributi non versati, comprensivi di sanzioni, per un importo totale di quasi 120mila euro. Sotto l’aspetto penale, la documentazione urbanistico-edilizia acquisita, relativa a diciotto strutture commerciali ha permesso dedicati accertamenti tecnici effettuati con il qualificato apporto dell’ufficio tecnico del comune di Bellaria - Igea Marina che hanno accertato la realizzazione di interventi edilizi in assenza di autorizzazione paesaggistica e di titolo edilizio, di violazioni alla normativa antisismica e di innovazioni non autorizzate sul demanio marittimo.

I diciotto soggetti, titolari delle strutture commerciali, sono stati denunciati a piede libero alla competente autorità giudiziaria. L’attività della Guardia di Finanza nel settore, oltre a tutelare gli operatori onesti da una concorrenza sleale, è rivolta ad assicurare la conservazione e il corretto uso dei beni della collettività, in questo caso l’ambiente e il paesaggio della costa.