Rimini, 5 ottobre 2017 - Torna a casa, Tobia... Potrebbe intitolarsi così questa storia, che in un certo senso ricorda l’intramontabile pellicola con protagonista Lassie, il collie più amato da generazioni di bambini. Già, perché Tobia (il nome è di fantasia) – lo splendido cucciolone adottato il 19 settembre scorso dal canile comunale Stefano Cerni – alla fine è tornato tra le braccia della sua padrona, che ora vive in Liguria, a 500 chilometri di distanza da Rimini. Una favola a lieto fine, che era cominciata nelle scorse settimane, quando gli agenti della Polizia municipale di Rimini si erano imbattuti in un cane di taglia medio-grande che vaga nelle campagne di Spadarolo. L’animale, spaventanto e molto diffidente, viene subito recuperato e portato nella struttura protetta di via San Salvatore, dove gli operatori possono prendersi cura di lui.

Tobia è dotato di un microchip elettronico, e al personale del canile basta controllarlo per scoprire subito una serie di cose. Prima di tutto che la bestiola ha una proprietaria, che due anni prima, in seguito ad alcune vicissitudini personali, era stata costretta a trasferirsi in una nuova città, lasciando suo malgrado il cane alla coinquilina. Una scelta non facile – racconterà poi la padroncina – ma che in quel momento era l’unica soluzione possibile, anche se estremamente dolorosa. Succede però qualcosa di imprevedibile: a giugno la persona a cui Tobia è stato affidato, si ammala gravemente e deve essere ricoverata d’urgenza in ospedale. Da quel momento del cane si perdono le tracce: nessuno sa dove si trovi, come si nutra e chi se ne prenda cura, almeno fino a quando non viene recuperato dai vigili nei dintorni di Spadarolo. Attraverso la lettura dei dati del microchip, le operatrici del canile riescono a mettersi in contatto con la padrona, Sandra, che nel frattempo si è trasferita in un’altra regione, la Liguria.

All'inizio la ragazza non riesce a credere alle proprie orecchie. Poi, passato il primo momento di sorpresa e sconcerto, decide di chiedere aiuto ai responsabili del canile riminese: ora le sue condizioni di vita sono cambiate e potrebbe finalmente ricongiungersi al suo amico a quattrozampe. Detto fatto. Tempo pochi giorni, ed eccola a Rimini, pronta finalmente a ribracciare il suo Tobia. Il cane riconosce subito la padrona e corre a farle la festa, tra gli sguardi stupiti dei presenti. Dopo aver salutato gli operatori, la ragazza riparte in direzione della Liguria, questa volta insieme al suo fedele compagno. Nei giorni scorsi Sandra ha inviato al canile video e foto che dimostrano come la convivenza di Tobia con la sua padroncina nella nuova casa sia ripresa alla grande.