Cattolica, 13 gennaio 2018 – E’ finito in manette con l’accusa di estorsione un riminese di 40 anni, arrestato dai carabinieri di Cattolica mentre picchiava e minacciava un suo vecchio amico, un 45enne impiegato di banca a San Giovanni in Marignano. “Se non mi dai i soldi e il Rolex ti sciolgo nell’acido”, questo le minacce verbali accompagnate da aggressioni fisiche subite dalla vittima, che all’ennesimo episodio ha chiesto aiuto ai carabinieri.

Tutto ha inizio prima di Natale, quando il bancario viene ricontattato dal conoscente, che gli chiede un incontro. Quando i due si rivedono il 40enne, già noto alle forze dell'ordine per motivi di droga, va subito al sodo e lo aggredisce pretendendo mille euro, oltre a chiederne altri 3mila insieme al suo prezioso orologio, altrimenti lo avrebbe ucciso sciogliendolo nell’acido.

L’impiegato dopo aver dato i mille euro non si rivolge alle forze del’ordine perché non crede alla minaccia. Un grosso errore perché un paio di giorni fa il 40enne si è presenta nella banca dove lavora il 45enne e inizia a prenderlo a schiaffi, chiedendo il denaro e ribadendo le minacce.
A quel punto il 45enne chiama subito i carabinieri dalla banca. I militari credono si tratti di una rapina, in pochi secondi intervengono e per questo riescono ad arrestare l'uomo praticamente flagrante.