Rimini, 9 ottobre 2017 - Una colonia ‘fascista’ o quantomeno nostalgica, tra alzabandiera e vecchi inni come ‘E’ la bandiera dei tre colori...’ cantati in coro dai bambini. E’ quella messa in piedi l’estate scorsa da Forza Nuova, organizzata prima fra tutti dalla militante riminese Desideria Raggi, responsabile nazionale dell’associazione femminile delle donne di estrema destra ‘Evita Peròn’. Un esperimento che ha deciso di fare nella zona di Catania.

Perché una colonia per bambini che richiama il regime?
«Non è una colonia fascista, diciamo che abbiamo ripreso quelli che erano i valori dell’epoca, e l’abbiamo fatto per andare incontro a bambini italiani meno fortunati che non possono permettersi una vacanza, per i quali lo Stato o il Comune non fa nulla. Ne abbiamo ospitati 21 e tutti a spese nostre: abbiamo fatto una colletta tra militanti. E siamo molto contenti di come è andata».

Ma la bandiera non è quella italiana e ha i colori nazionalsocialismo, gli inni sono quelli dell’epoca.
«I colori della bandiera sono quelli della tradizione, dei combattenti, della purezza e del sacrificio. Sono i valori della patria, della famiglia e delle radici. Quanto alla canzone, è vero che Mussolini ne ha fatto ‘la canzone’, ma è molto più vecchia di lui. Non li stiamo educando al fascismo, e non stiamo facendo apologia di reato. In realtà questa esperienza è stata un grande successo».