Rimini, 7 settembre 2017 - "Voleva violentare una ragazza della nostra comitiva, ma siamo riusciti a fermarlo". A svelare un’aggressione sessuale nuova di zecca, è uno dei due fratelli marocchini che rimanda l’immagine di un capo branco dalle due facce. Quella gentile ed educata di giorno, e quella feroce di notte.

A raccontare l’episodio ai pubblici ministeri, è stato il 17enne che nel corso del suo interrogatorio avrebbe aggiunto un episodio che ancora non era saltato fuori. Il fatto risalirebbe al luglio scorso, e sarebbe avvenuto fuori da un locale di Pesaro, dove era andata la comitiva di cui facevano parte. Il ragazzo ha raccontato di come Guerlin Butungu (FOTO) avrebbe cercato di violentare una ragazza che faceva parte del gruppo, puntandogli un coltello.

A fermarlo erano stati loro, trascinandolo via. Una storia che ovviamente gli investigatori della Squadra mobile dovranno verificare sentendo la vittima delle ‘attenzioni’ del congolese. Ma lei non è l’unica che è riuscita a sfuggire alla sua furia. Perchè la giovane di Legnano avrebbe invece già confermato tutto.

image

Era il 12 agosto scorso, quando lei e il ragazzo stavano camminando sempre nella zona di Miramare, quando avevano visto il gruppo che li stava seguendo. A quel punto avevano deciso di separarsi, camminando sui due lati della strada per vedere se stavano ‘puntando’ proprio loro. Non avevano nemmeno fatto in tempo a realizzare, che quelli erano già addosso alla ragazza. Lui era corso, ma, dicono, il congolese l’aveva già afferrata e si era già calato i pantaloni. Si era messa a urlare, e in qualche modo era riuscita a liberarsi dalle grinfie del violentatore, mettendosi a correre come una forsennata. Alla polacca invece non è andata altrettando bene.

Intanto il giudice ha deciso di separare i due fratelli marocchini, e di trasferire il 17enne nel carcere di Torino. Il minore invece per ora resta a Bologna, e per lui domani è previsto un nuovo interrogatorio da parte del giudice per le indagini preliminari.

I due fratelli continuano quindi a puntare il dito su Butungu, indicandolo come il capo carismatico del gruppo. Quello che comandava e al quale, hanno detto, loro "ubbidivamo come cani". A sentirli non hanno violentato nessuno, ma a inchiodarli c’è invece la deposizione delle vittime che non sembra lasciare loro scampo.

Guerlin Butungu, congolese di 20 anni