Rimini, 9 novembre 2017 - Ha ucciso due persone, ma torna libero. Dritan Demiraj da ieri può riassaporare il piacere della libertà. Lo ha deciso la sezione seconda della Corte di Assise di Apppello di Bologna che, applicando alla lettera la nuova riforma Orlando, ha sentenziato il «non luogo a procedere» per Demiraj, il 31enne pasticciere e killer albanese, condannato all’ergastolo dalla Corte di Assise a Rimini per aver ucciso Silvio Mannina la sera del 28 febbraio 2014, dopo averlo attirato in una trappola a Rimini ed il giorno seguente, alla stazione di Mozzate, nel Comasco, la sua ex compagna, Lidia Nusdorfi.

Difeso dall’avvocato Massimiliano Orrù, Demiraj torna in libertà perchè, a seguito di una perizia medico legale richiesta dal suo stesso legale, è emerso che l’albanese ha perso la memoria, non ricorda gli omicidi commessi nè sa cosa sia accaduto dopo, nè cosa lo circondi. Così la Corte d’Assise d’Appello ha deciso di «non doversi procedere nei suoi confronti in ordine a tutti i reati ascrittogli per incapacità irreversibile di partecipare concretamente al processo», si legge nella sentenza.

E nello stesso dispositivo viene anche ordinata «la sua immediata scarcerazione» ed il pagamento alle parti civili di 3700 euro. Dunque, il killer torna libero a seguito di un deficit della memoria e di comprensione. L’albanese è in questo stato, attualmente ricoverato presso l’ospedale di Parma, dopo che il sei aprile del 2016 nel carcere emiliano dove era detenuto in seguito alla condanna per duplice omicidio volontario aggravati, occultamento di cadavere, violenza privata, rapina e porto abusivo di coltello, era rimasto coinvolto in una rissa con un altro detenuto. Il pasticciere albanese era stato colpito con calci e pugni alla testa da un ex pugile romeno tanto che per diverse settimane era rimasto in coma.

PROCESSO_6791237_145032

Adesso il killer albanese, che non cammina, ma parla e sta facendo riabilitazione per arrivare a potersi muovere su una sedia a rotelle, a dire del suo avvocato, Massimiliano Orrù, «è come un bambino che vive alla giornata, in una condizione che la medicina definisce come irreversibile». Prima di essere protagonista del pestaggio che l’ha visto soccombere, Demiraj aveva confessato i due omicidi che gli erano stati imputati: quello dell’ex compagna, Lidia Nusdorfi e madre di suo figlio, uccisa a coltellate perchè ‘colpevole’ di averlo tradito con un cugino e quello di Silvio Mannina, l’ultimo amante proprio della sua ex. Demiraj aveva raccontato come aveva tessuto la trappola, grazie alla complicità della sua fidanzata di allora, Monica Sanchi, per incastrare Silvio Mannina. Lo aveva attirato a Rimini e poi lo aveva ucciso nella sua abitazione.

Poi aveva abbandonato il cadavere di Mannina nella cava abbandonta del Lago azzurro di Santarcangelo. Il giorno dopo era corso ad uccidere la Nusdorfi. Per questi due omicidi nessuno sta pagando dietro le sbarre. Monica Sanchi, che è stata condannata a 30 anni di reclusione, si trova in una struttura a causa delle sue precarie condizioni fisiche. Lo zio di Dritan, Sadik Dine, condannato all’ergastolo in corte d’Appello, è ancora libero. Ed ora anche Dritan lo è. I genitori potrebbero portarlo con loro in Albania.