Rimini, 21 settembre 2017 - Il conto, a breve, potrebbero presentarlo i carabinieri di Novafeltria. E non soltanto del ristorante. Perché la coppia fresca di nozze, oltre a non aver mai saldato le spese del pranzo, non ha neppure pagato il fioraio e altri negozianti a cui si era rivolta per celebrare al meglio il matrimonio.

I militari si sono mossi dopo la denuncia del ristoratore ‘vittima’ dalla coppia. Il matrimonio si è tenuto ad aprile, e gli sposi avevano deciso di invitare amici e parenti per la festa in un ristorante a Novafeltria. Pranzo prenotato per 120 persone, ma alla fine (secondo quanto riferito dal ristoratore nella denuncia) a tavola si è presentata poco più della metà degli ospiti attesi.

Ma i problemi, per il ristorante, dovevano ancora arrivare. Perché quando è stato ora di saldare il conto, la coppia ha preso tempo promettendo che sarebbe passata di lì a pagare nel giro di qualche giorno. Ma i giorni passavano, e della coppia, residente della zona, nessuna traccia. Il ristoratore, che conosce abbastanza bene lo sposo, ha iniziato a sollecitarlo più volte, ma lui con varie giustificazioni ha sempre evitato di pagare.

Mettendo non poco in difficoltà il titolare del locale che, a causa del mancato incasso del pranzo di nozze, per un paio di mesi ha fatto fatica a pagare l’affitto del ristorante. Stufo di dover inseguire gli sposi per farsi pagare il conto, il ristoratore si è rivolto a un avvocato e hai poi fatto denuncia, qualche settimana fa, ai carabinieri di Novafeltria.

Il pranzo di nozze, si è scoperto poi successivamente, non è stato l’unico conto che la coppia ha evitato di pagare. Da quanto trapela, i due sposi infatti hanno lasciato ‘buchi’ anche da altre parti. Lo stesso fioraio a cui si erano rivolti per i decori del giorno del matrimonio non è stato pagato. E altri, a quanto pare, avrebbero fatto la stessa fine, compresi chi aveva preparato le bomboniere e scattato le foto al matrimonio.

Ma il danno più importante è stato quello subito dal ristorante di Novafeltria: ci ha rimesso 6mila euro, dopo aver preparato per gli sposi e i loro invitati, nel giorno delle nozze, un pranzo completo per 120 persone. Soldi che il ristoratore non ha mai ricevuto, nemmeno in parte. Fidandosi dello sposo, che conosce abbastanza bene, gli era andato incontro non chiedendogli neanche un acconto per la festa. Fino a quando ha capito che quei soldi, con le buone, non li avrebbe mai più rivisti. E così è passato alle maniere forti, denunciando la coppia.