Rimini, 3 gennaio 2018 - Gli sposi pagheranno. Con un anno di ritardo, certo, e a rate. Ma alla fine salderanno il loro debito con il ristorante in cui avevano festeggiato le nozze. Si chiude così una storia che aveva fatto parecchio clamore a Novafeltria. Anche perché la coppia di neo sposi, residente proprio a Novafeltria, non aveva lasciato buchi solo al ristorante Jolly La Matta. Da quanto era emerso nel corso delle indagini condotte dai carabinieri, anche chi aveva fornito i fiori, la torta nuziale e altre servizi per il matrimonio (compreso il fotografo), non avrebbe ricevuto dalla coppia il compenso pattuito.

Il titolare del ristorante Jolly La Matta al programma tv 'Dalla vostra parte'Ma il buco più grosso era stato proprio quello lasciato nel locale. Secondo il titolare Giancarlo Crociati, la festa di nozze della coppia, che si è sposata la scorsa primavera, gli è costata 6mila euro. Una cifra che teneva conto anche dei mancati introiti: Crociati aveva detto di no ad altri clienti quel giorno, per riservare la sala alla coppia. Era stato lui il primo a denunciare i due sposi. E lo sposo, davanti le telecamere del programma tivù Dalla vostra parte, si era difeso così: «Siamo partiti con l’intenzione di pagare tutti per il mio matrimonio. Ma se non poi non c’erano i soldi, cosa dovevo fare? Andare a battere sui marciapiedi?».

Crociati aveva messo tutto in mano al suo legale, l’avvocato Silvano Zanchini. Che, dopo i ripetuti solleciti e la denuncia presentata ai carabinieri, ha trovato un accordo con i legali della coppia. «E’ stato raggiunta l’intesa sul pagamento grazie a una negoziazione assistita – conferma lo stesso Zanchini – La coppia pagherà il dovuto». Il ristoratore è andato loro incontro, riconoscendo un piccolo sconto e dando la possibilità agli sposi di pagare a rate. «Se onoreranno l’impegno che si sono assunti – conclude Zanchini – noi ritireremo la querela».