Rimini, 26 agosto 2017 – Stupro sulla spiaggia di Rimini. L’aggressione è avvenuta ieri notte verso le 4 all’altezza del bagno 130, nella zona di Miramare.


La vittima è una giovane polacca di 26 anni, che era in spiaggia insieme al fidanzato, anche lui 26enne. I due erano in vacanza a Rimini con un gruppo di connazionali, e ieri era l'ultima sera della vacanza. Il loro gruppo proprio questa mattina è ripartito per tornare a casa, non i due giovani, ancora ricoverati.

image
Da una prima ricostruzione fatta dalla Polizia i due sarebbero stati aggrediti da un gruppo di almeno quattro persone che hanno pestato il ragazzo e violentato lei.  La coppia si era probabilmente appartata da poco per un po' d'intimità sotto le stelle in un luogo poco illuminato. Erano stesi sui lettini del bagno a scambiarsi effusioni quando i quattro sono comparsi dal nulla, aggredendoli. Lei è stata violentata a ripetizione da quattro uomini; lui, aggredito e colpito al capo più volte, è stato lasciato a terra svenuto.

Sul posto sta ancora lavorando la Scientifica (VIDEO) nella speranza di trovare qualche traccia che possa portare al branco.

A dare l'allarme sono stati alcuni passanti, che hanno visto la coppia insanguinata e sotto choc camminare sul lungomare e hanno chiamato la polizia.

Il giovane dovrebbe essere dimesso a breve dal Pronto Soccorso, per essere sentito nuovamente in Questura con l'ausilio di un interprete, anche se parlerebbe correntemente inglese. Sequestrati gli indumenti della ragazza, tra cui i pantaloncini corti che indossava al momento dello stupro. Per lei è stato immediatamente attivato il protocollo sanitario previsto in caso di violenza sessuale e l'assistenza psicologica.