Rimini, 21 settembre 2017 - Mai come stavolta Rimini, dove il ‘grillismo’ affonda le radici più profonde, si deciderà il destino del Movimento 5 stelle. E non solo perché alla fiera di Rimini, che ospita da domani a domenica la convention nazionale Italia 5 stelle, Luigi Di Maio farò il primo discorso da candidato premier (oggi parte il voto on line). I tre giorni riminesi serviranno anche a ricucire gli strappi - sempre che si possano ricucire... - con Roberto Fico e gli altri esponenti del M5s in rotta con Grillo.

Fico dovrebbe essere tra i presenti, a Rimini. Il blog del Movimento lo inserisce tra i relatori di ‘Villaggio Rosseau’, lo spazio dedicato agli approfondimenti. E’ atteso per sabato, quando parleranno anche Alessandro Di Battista e Paola Taverna. Sarà a Rimini già da sabato anche il primo citadino di Torino, Chiara Appendino, mentre non è sicura la presenza della Raggi. Gli altri ‘big’ del partito non mancheranno. A cominciare dal leader, Beppe Grillo.

«Beppe sarà con noi durante tutti e tre i giorni della manifestazione – assicura Max Bugani, capogruppo a Bologna e suo braccio destro in regione – e avrà come sempre libero accesso al palco». Nel frattempo il Movimento ha lanciato, attraverso il blog, un nuovo invito per reclutare altri volontari per Italia 5 stelle. Ma tante adesioni sono già arrivate. «Abbiamo centinaia di volontari che hanno messo a disposizione per la manifestazione il loro tempo e le loro professionalità», assicura l’europarlamentare David Borrelli, organizzatore della manifestazione.

Convinto che l’affluenza a Italia 5 Stelle sarà molto alta. Anche perché «ogni giorno aumentano le prenotazioni negli hotel di chi parteciperà all’evento aumentano. Arriveranno tanti gruppi organizzati con bus da tutta Italia. E non mancheranno i camperisti, a cui abbiamo dedicato aree apposite. A oggi non sappiamo in quanti arriveranno a Rimini per Italia 5 stelle, ma sarà una partecipazione importante. Anche perché sabato proclameremo il nostro candidato premier», che risponderà poi alle domande di attivisti e giornalisti nella giornata di domenica.

Anche il budget della manifestazione non preoccupa più. «Fino a martedì sera – conferma Bugani – avevamo ricevuto 332mila euro da 4.599 donatori, a cui si aggiungono 120mila euro di fondo cassa. Abbiamo ricevuto più di 100mila euro di piccole donazioni soltanto nell’ultima settimana. Ci teniamo a rispondere a chi si è spinto a farci i conti in tasca che anno dopo anno le attività sui territori del M5s aumentano e con loro aumenta il sostegno economico di attivisti, portavoce e cittadini. Questo è un regalo e una dimostrazione di affetto incredibile».

Di Maio verso l'investitura, ma il Movimento è diviso. Fico medita l'addio a Roma