Rimini, 3 giugno 2017 - Prima la tappa a Rimini, per dire no al piano nomadi del Comune. Poi il tour de force a Riccione e a Morciano, per la campagna elettorale. Matteo Salvini è tornato oggi in Riviera, a una settimana dalle elezioni, per lanciare la volata ai candidati del centrodestra. Alle 17,30 Salvini ha incontrato i comitati che si battono contro il progetto del Comune di Rimini, che intende chiudere il campo nomadi di via Islanda e trasferire le famiglie sinti nelle microaree individuate nei vari quartieri.

“Un progetto sbagliato, fallimentare. Come quello del sindaco di Roma Raggi. Non esistono maxi campi o microaree per i nomadi. I campi vanno eliminati, con le buone maniere o con le ruspe. Dove governano i sindaci della Lega il problema è stato risolto”. Dopo Rimini per Salvini è stato un bagno di folla a Riccione, dove è arrivato per sostenere la candidatura del sindaco uscente Renata Tosi. “A Riccione come a Morciano - dice Salvini - possono avere la Lega al governo. Non corriamo alle elezioni per partecipare ma per vincere”.