Rimini, 30 maggio 2017 - Del piano non si parla più da alcune settimane. Ma Palazzo Garampi non intende fare marcia indietro. Il Comune va avanti con il progetto che prevede la chiusura del campo nomadi di via Islanda e il trasferimento di alcune famiglie sinti nei vari quartieri della città. Il ‘balletto’ sulle aree prosegue, anche se molte sono già state definite: un’area sarà in via Arno a Villaggio primo maggio, altre in via Cupa, via Gallina, via Feleto (vicino al Classic), via Montepulciano, e poi almeno una tra via Tombari e via Orsoleto a Viserba. Oggi alle 17,30 ci sarà una commissione convocata per discutere del piano, alla quale parteciperanno anche portavoce e rappresentanti dei vari comitati. Così ha voluto il presidente di commissione Cristiano Mauri, consigliere della Lega Nord.

Proprio la Lega terrà sabato a Villaggio primo maggio un’assemblea con i residenti sulla questione delle aree destinate ai nomadi. Interverranno consiglieri e segretari del Carroccio, da Matteo Zoccarato a Bruno Galli e Jacopo Morrone, oltre ai rappresentanti dei comitati. E a chiudere l’assemblea ci sarà anche il leader della Lega Matteo Salvini. Che non ha dubbi sul progetto ideato dal Comune di Rimini. «E’ un piano campato per aria, che i riminesi non condividono. E noi con loro», anticipa Salvini. «I residenti sono vittime delle ottuse politiche del sindaco di Rimini – rincara ancora la dose il segretario nazionale della Lega – Le persone che Gnassi vorrebbe integrare, sempre che loro vogliano integrarsi, hanno vissuto per diversi decenni nel degrado e nell’illegalità. Guai a chiedere loro di pagare una bolletta o a sollecitare il rispetto delle regole di civile convivenza. Questa gente, secondo le politiche lungimiranti della sinistra, dovrebbe essere integrata e valorizzata. Per farlo, il Comune ha previsto la loro redistribuzione in moderne soluzione abitative dotate di ogni comfort senza nemmeno il disturbo di pagarne il prezzo. Tutto gratuito. A pagare ci pensano i riminesi. E’ un sistema che vogliamo cambiare».

In realtà il Comune di Rimini ha sempre ribadito che metterà solo a disposizione le aree (attrezzate), mentre la spesa per le casette prefabbricate sarà a carico delle famiglie. Si stanno valutando già soluzioni in tal senso. Il vero nodo resta quello delle aree, visto che continua il mal di pancia tra Pd e Patto civico su alcuni terreni destinati ai nomadi.