Notizie Rovigo
 TV   FOTO E VIDEO BLOG SERVIZI LAVORO ANNUNCI CASA
IL CASO

Massaggi sanitari senza autorizzazione
I Nas fanno scattare il sequestro

Due strutture estetiche a Rovigo e Taglio di Po sono state chiuse dai carabinieri perché offrivano in maniera abusiva terapie fisiche di carattere medico

Dimensione testo Testo molto piccolo Testo piccolo Testo normale Testo grande Testo molto grande

Rovigo, 7 giugno 2009 - Il business della bellezza è sempre più ghiotto. E attira molti professionisti improvvisati, interessati ai facili guadagni. Sono stati i carabinieri dei Nuclei Antisofisticazioni e Sanità dell’Arma di Padova, a scoprire,nei giorni scorsi, a Taglio di Po, in via D’Annunzio, un centro massaggi e terapia fisica del posto dove due persone fornivano servizi senza aver alcun titolo.


I carabinieri, a seguito di una ispezione, hanno infatti sequestrato penalmente la strutture e le attrezzature elettromedicali poiché nel centro massaggi si praticavano attività sanitarie non autorizzate. Padre e figlia, L.P. di 59 anni e L.R., di 39 anni, nati a Venezia e residenti a Taglio di Po, offrivano alla clientela massaggi e prestazioni di fisioterapia pur essendo privi di titolo abilitante alla professione e in assenza autorizzazione amministrativa.
Per entrambi i reati ipotizzati sono quelli di esercizio abusivo della professione sanitaria proprio per aver utilizzato particolari attrezzature mediche senza averne titolo.


Ancora i carabinieri dei Nas di Padova, in una operazione congiunta a militari dell’Arma del comando provinciale hanno sequestrato, proprio a Rovigo, un centro massaggi. Nel corso di una ispezione, infatti, i carabinieri hanno sorpreso, nel centro estetico, due ragazze cinesi che praticavano massaggi in assenza di titolo abilitativo e autorizzazione.

Nel mirino dei Nuclei Antisofisticazioni e Sanità dell’Arma di Padova in questo caso è finito un centro massaggi  in viale Porta Po. Il centro risulta di proprietà di un cittadino cinese, nato nel 1980 e residente a Rovigo. I carabinieri hanno provveduto al sequestro di tutta la struttura e delle attrezzature: il valore dei beni sequestrati sarebbe attorno ai 500 mila euro.


Da tempo le associazioni di categoria protestano per il proliferare, anche a causa della crisi economica, di saloni di estetica e massaggi abusivi o gestiti da persone senza i requisiti di legge. Anche per questo motivo i militari dell’Arma hanno intensificato le ispezioni e i controlli nei centri estetici.










Se il codice risultasse illeggibile CLICCA QUI per generarne un altro

 

LA FOTO DEL GIORNO

Miss Mamma Italiana Sprint (omaggio)

La bellezza e la simpatia
di Miss Mamma Italiana

Marika Ghirdarello, 32 anni, operaia di Lendinara, mamma di William di 9 anni, è stata premiata nella categoria Sprint' nel concorso a Monselice (Pd)