Rovigo, 26 agosto 2015 - Il tradimento, oggi, sembra essere quasi una terza modalità di stare in coppia. Che siano scappatelle occasionali, stabilmente presenti nella vita delle coppie, seriali, compulsivi, stagionali, vacanzieri, i tradimenti sembrano non essere assenti dal percorso della vita della coppia, che anche se attenta e complice, stenta dall’essere immune dalla scappatella.

«La vita è breve. Concediti un’avventura». Mai slogan fu più azzeccato per pubblicizzare il tradimento. E tra i polesani più “avventurosi” sono quelli di città e dell’alto Polesine. I più fedeli invece abitano a FrattaÈ quanto risulta dal monitoraggio effettuato sui dati degli utenti del sito «Ashley Madison», il più usato al mondo per organizzare incontri extraconiugali, con migliaia di iscritti in Italia.

E oltre 2 mila sono in Polesine. I dati sono stati rubati e messi in rete da alcuni hacker che si sono divertiti a organizzarli secondo la distribuzione geografica.Nessuna violazione della privacy, in questo caso: non c’è nessun nome diffuso. Solo la curiosità di capire quali sono i territori in cui si organizzano più “scappatelle”.

I dati del Polesine parlano chiaro: gli incontri extraconiugali avvengono soprattutto in città e nella cintura urbana. Nel comune di Rovigo c’è la maggior parte degli iscritti: 899. In pratica quasi la metà del totale degli utenti padovani. E per il 91% sono maschi. Abbiamo raggruppato i dati per aree e messo in relazione il numero degli iscritti con la popolazione. L’indice di infedeli (e di riflesso di “cornuti”) è più alto a Rovigo e in cintura con 1,29. Poi c’è il l’alto Polesine con lo 0,72. Infedeltà moderata nel basso Polesine (0,54). L’indice più basso è a Fratta appena lo 0,24.

Ecco la mappa dell’infedeltà nel rodigino: cliccando sul singolo comune è possibile conoscere l’indice di infedeltà calcolato mettendo in relazione il numero di iscritti a «Ashley Madison» con il numero di residenti. A recuperare e organizzare i dati è stato il gruppo spagnolo «Tecnilogica», che ha creato un mappa mondiale dell’infedeltà, localizzando i 30 milioni di utenti iscritti al sito. L’hanno chiamata «Malfideleco», che sarebbe infedeltà in esperanto.

Gli hacker hanno tirato fuori due livelli di lettura. Da una parte la diffusione del sito nel mondo, con Europa e Stati Uniti a far la parte del leone. Dall’altra c’è la presenza femminile che in alcuni paesi (India, Sud Africa e Brasile) è più alta che altrove. In media comunque nel sito c’è appena un 15% di pubblico femminile, il resto sono uomini.

Ci sono alcuni dati curiosi, come i 64 iscritti di Castelnovo Bariano (ma è probabile che il conteggio comprenda anche alcuni comuni contermini), molti se pensiamo che un Comune molto più grande come Badia ne ha appena 60. L’avventura infedele, è determinata dal desiderio di evasione dalla routine e dal talamo coniugale, dal piacere della conquista, dal desiderio imperante di erotizzazione della vita. Questa categoria di amanti, appartiene alla categoria della “sacappatella mordi e fuggi”, senza troppi strascichi emozionali ed erotici. Ed è proprio quella a cui si rivolge questa mappa. Per gli amanti fissi invece... beh quella è tutta un’altra storia.