Rovigo, 25 novembre 2017 - Quando la realtà supera la fantasia. Una storia che ha dell’incredibile. Sembra la sceneggiatura di un film poliziesco. La prima mezz’ora di un montaggio serrato fino al ritrovamento del cadavere che dà il via all’inchiesta. Era partito da Rovigo per andare a New York a trovare un grande amico che vive nel Bronx, una contea da milione e mezzo di abitanti dove l’etnia più rappresentata è quella degli ispanici, seguita dagli afro americani. I bianchi sono un’esigua minoranza. Emilio Zenato, ex poliziotto, 51 anni, è molto conosciuto in città soprattutto perché è il riferimento della compagnia teatrale «Mosaico».

Lui ed Elijad Michaux, 33 anni, newyorkese, nero, erano grandi amici. I due si sono sentiti al telefono appena l’aereo è atterrato. Il rodigino si è incamminato verso il Bronx, non si sa se con il taxi, la metropolitana o altri mezzi. Nel frattempo però un altro uomo era andato a far visita ad Elijah: probabilmente si tratta dell’assassino. L’ex poliziotto rodigino, congedatosi dal corpo anni fa, ama molto gli Stati Uniti. Ogni anno fa un viaggio Oltreoceano a caccia di musica, spettacoli e atmosfere.

Aveva le chiavi di casa di Elijah, appartamento che si trova all’incrocio tra «St.Ann’s Avenue» e «East 158th Street». Luned’, dopo le 15,30, quando è entrato Elijah era già morto, ucciso da un proiettile sparato a bruciapelo alla nuca. L’ex poliziotto italiano, preso dal panico, ha tentato di rianimarlo imbrattandosi di sangue. Ha chiamato le forze dell’ordine che in un primo momento, come è ovvio, non hanno nemmeno potuto escludere che lui fosse coinvolto.

I filmati delle telecamere hanno però subito indirizzato le indagini in un’altra direzione. È ricercato un ragazzo di colore che probabilmente conosceva la vittima. La stampa americana on line dà versioni discordanti, ci sono diverse ipotesi che riguardano il movente. Sul luogo di ritrovamento del cadavere, una testata giornalistica dice che la vittima si trovava in camera da letto. Altre versioni dicono che si trovava in soggiorno, seduto sul divano. Le indagini sono comunque in corso.

Emilio Zenato, partito per una vacanza di piacere negli Usa, si trova ancora a New York. È caccia all’uomo, la polizia newyorkese sta cercando l’assassino. I siti internet delle testate on line newyorkesi hanno addirittura diffuso la fotografia di una persona, un giovane di colore. Sarebbe lui il principale sospettato dell’omicidio. Ha un cappuccio bianco sulla testa, guarda la telecamera dell’ascensore, ha addosso un giubbotto nero e lo zaino nero.