Loreo (Rovigo), 7 settembre 2017 - Un guasto nel funzionamento della paratia alla confluenza tra il Canalbianco e il canale Naviglio, di Loreo, è stata la causa dell’allagamento che si è verificato ieri nella cittadina. Erano le 9,30 del mattino quando l’onda ha invaso l’abitato. «Non si è chiusa la porta ‘vinciana’ – spiega il geometra del Comune Massimo De Grandis –, paratia che si apre e si chiude in base alle maree. La struttura si trova in zona Volta Grimana. Ieri mattina, contrariamenti a quanto avviene ogni giorno, non si è chiusa».

Il Naviglio è collegato con il fiume Adige e con il Canalbianco. «Visto che l’acqua del Canalbianco si è riversata nel canale Naviglio di Loreo il genio civile ha attivato le pompe e le idrovore per consentire di scaricare l’acqua nel fiume Adige. Ma come si suol dire «piove sul bagnato». Non solo si è bloccata la porta idrovora, il carro ponte che doveva provvedere a risolvere il problema, portando a chiusura la paratoia, si è guastato. Nella mattinata i vigili del fuoco hanno fatto una serie verifiche e i sopralluoghi nelle case allagate. «C’è stato un doppio guasto dell’impianto idrovoro di Chiavegoni di Volta Grimana» interviene il geometra del genio civile Giuseppe Scanu. Ad illustrare il problema è proprio direttore del genio civile, Paolo Marchetti. «C’è una paratoia mobile che regola l’intercalare del livello di marea – dice –. E proprio la paratoia ha avuto un guasto. Per questo abbiamo dovuto mettere delle strutture per chiudere l’apertura che si era creata. In questo modo riusciamo a sistemare la pompa e quindi il livello dell’acqua. Abbiamo chiamato un’impresa specializzata per sostituire la funzione che avrebbe dovuto fare il carro ponte». L’allarme è stato dato alle 9,30 del mattino.

«Si è rotta la porta che si azione in base alle maree e quando l’acqua è cresciuta di livello si è riversata nel Naviglio – dice il vice sindaco Andrea Galdiolo che si è subito regato sul posto per fare un sopralluogo –. Il genio civile sta cercando di mettere delle paratoie per chiudere le bocche della porta in modo di fermare l’acqua. Si presume che finiscano le operazioni entro l’arrivo della prossima marea che è tra le 23,30 e le 24». Galdiolo spiega che dal 1962, anno di costruzione delle chiuse, non succedeva più un simile episodio. «Tanti loredani anziani si sono ricordati di come era una volta Loreo – continua -. E’ stato un evento grave perché ha causato gravi disagi ad alcuni cittadini. Sia io che il sindaco Moreno Gasparini siamo nella zona degli interventi per cercare di capire come e quando finiscono per rassicurare la cittadinanza. Il Genio Civile ha la responsabilità delle porte delle acque del canale di Loreo».