Rovigo, 5 marzo 2017 - Finisce in parità un derby ricco di episodi in una giornata condizionata anche dal meteo con un vento che ha favorito prima l’una e poi l’altra squadra.

Per oltre mezz’ora nessuno ha marcato punti e solo al 31’ lo 0-0 è stato mosso dal calcio di punizione di Basson anche se le occasioni non erano mancate per ambedue le formazioni. L’esordio stagionale di Van Niekerk dopo l’infortunio non è stato fortunato: al 13’ il sudafricano in un’azione d’attacco, quando ha tenuto un pallone che forse doveva passare, si è di nuovo fatto male ed è dovuto uscire. Sembra quindi opportuno l’ingaggio dell’argentino Federico Torres Giliberti, presente ieri in tribuna. Nel finale di primo tempo il Petrarca ha messo a segno un uno-due che avrebbe potuto «ammazzare» il derby in anticipo: al 36’ una meta di Afualo in drive dopo una touche vinta ai 5 metri e al 39’ una meta tecnica assegnata dall’arbitro Liperini per una scorrettezza di Arrigo su Rossi pronto a toccare in meta. Nella stessa azione aveva poi segnato Favero ma l’arbitro ha deciso per la marcatura al centro dei pali e quindi l’agevole trasformazione ha siglato il 3-14 con cui le squadre sono andate al riposo.

Nella ripresa rossoblu decisi a rovesciare il risultato. Forte di una mischia dominante la FemiCz si è installata nei 22 metri avversari. I Bersaglieri non hanno cercato i pali sulle punizioni ma addirittura al 49’ hanno scelto la mischia chiusa con cui hanno spazzato via il reparto avversario toccando in meta con Cicchinelli; la trasformazione di Basson ha portato i locali sul 10-14. Al 62’ un piazzato di Basson ha avvicinato ulteriormente il Rovigo (13-14) ma subito dopo Menniti-Ippolito ha ripristinato il vantaggio di 4 punti (13-17). Un paio di minuti dopo Basson ha fallito il bersaglio. I campioni d’Italia al 39’ vengono premiati dal guizzo di Chillon per la meta del sorpasso. 20-17 con la trasformazione di Basson. Gara finita? Niente affatto. Alla ripresa con 2’ ancora di partita il Petrarca ha monopolizzato il pallone. L’arbitro ravvisa un fallo della FemiCz assegnando una punizione. In piazzola Menniti-Ippolito: l’ovale è entrato tra i pali decretando il 20-20 dell’incredibile pareggio.

 

Il tabellino

Femi-Cz Rovigo 20

Petrarca Padova 20

(3-14)

FEMI-CZ ROVIGO: Basson; Apperley, McCann (72’ Mantelli), Van Niekerk (13’ Arrigo), Barion; Rodriguez, Chillon; Cicchinelli, Lubian, Ruffolo (cap.); Parker, Ortis; Iacob (73’ Bordonaro), Momberg, Muccignat (25’ Balboni). All.: McDonnell - Wright

PETRARCA PADOVA: Menniti-Ippolito; Fadalti (43’ Franscescato) (54’ Fadalti), Favaro, Bacchin (74’ Benettin), Rossi; Nikora, Su’a; Afualo (28’-31’ Bernini) (69’ Targa), Conforti (cap.), Nostran (78’ Bernini); Salvetti, Saccardo; Vannozzi (43’ Irving), Ferraro (43’ Zago), Borean (43’ Makelara). All. Cavinato.

Arbitro: Liperini di Livorno; guardalinee Vedovelli (Sondrio) e Giacomini (Treviso); 4° Uomo Brescacin (Treviso)

Marcatori: (p.t.) 31’ cp Basson, 36’ m. Afualo tr. Menniti-Ippolito; 39’ m. tecnica Petrarca tr. Menniti-Ippolito; (s.t.) 49’ m. Cicchinelli tr. Basson; 62’ cp Basson (13-14); 69’ cp Fadalti; 78’ m. Chillon tr. Basson; 87’ cp Menniti-Ippolito.

Note: giornata ventosa, campo in discrete condizioni. Spettatori: circa 2000. Presente in tribuna con lo staff, il ct della Nazionale Italiana, Conor O’Shea.