Rovigo, 2 dicembre 2017 - Dopo la vittoria casalinga contro il Calvisano capolista la Rugby Rovigo Delta si è confermata oggi sul campo dei «Medicei», la formazione fiorentina che conta tra le proprie fila tanti ex rossoblù, tra i quali l’estremo Stefan Basson, il cui addio l’estate scorsa ha spezzato il cuore a tanti tifosi rodigini.

A Firenze i Bersaglieri si sono imposti con un sonoro 31 a 18 conquistando anche il punto di bonus. Uomo partita il riccio mediano di mischia Alberto Chillon. Ancora una volta è stata schiacciante la superiorità del pacchetto di mischia allenato dal neozelandese Joe McDonnell.

La prima meta di Rovigo è stata messa a segno da Majstorovic, la seconda da Odiete, sempre nel primo tempo in meta anche il giovane Cioffi. La quarta meta, quella del bonus, è arrivata di mischia nel secondo tempo. L’apertura e piazzatore Mantelli ha messo a segno tutte le trasformazioni ed un calcio, 11 punti per lui.

«Abbiamo giocato un buon primo tempo, abbiamo messo molta pressione soprattutto con la mischia e costruito ottime fasi con i trequarti — ha dichiarato l'head coach rossoblù Joe McDonnell alla fine del match — non è stata una partita facile, i Medicei hanno messo il cuore in campo nonostante abbiano perso il loro capitano, Maran, dopo appena 10 minuti. Nel secondo tempo, dopo aver ottenuto la quarta meta, noi ci siamo un po' troppo rilassati e di conseguenza abbiamo perso disciplina. Nel complesso comunque è stata una bella partita, sono felice del risultato e di aver ottenuto il punto di bonus».

Con 32 punti in 8 partite la squadra di Rovigo è prima in classifica ma domani, domenica 3 dicembre, Calvisano, che al momento ne ha giocate soltanto 7 ed è solo 3 punti sotto, ha l’occasione per riportarsi in testa. Ospita la Lazio, terzultima. Fischio d’inizio alle 15.