Grande e attesissimo ritorno di Goran Bregovic, compositore contemporaneo, musicista tradizionale o rock star, non ha dovuto scegliere – ha combinato tutto per inventare una musica che è allo stesso tempo universale e assolutamente sua.

Mercoledì 7 Febbraio 2018 la Goran Bregovic Orchestra porterà sul palcoscenico dell'Auditorium Manzoni lo spettacolo “Three Letters from Sarajevo”, una nuova produzione incentrata sul tema della diversità religiosa e della coesistenza pacifica.

Bregovic porta in sé il melting pot che prova a raccontare nel nuovo album. «Io sono di Sarajevo, sono nato su una frontiera: l’unica dove si incontravano ortodossi, cattolici, ebrei e musulmani. Mio papà è cattolico, mia mamma è ortodossa, mia moglie è musulmana. E mi sento anche un po’ gitano, forse perché per mio padre, colonnello dell’esercito, era inaccettabile che facessi il musicista, un mestiere “da gitano”, come diceva lui».  È infatti la storia di Sarajevo con le sue tante credenze, identità, con i suoi complessi paradossi che ha ispirato il nuovo album di questo nativo di Sarajevo, Goran Bregovic.

Pochi musicisti sono riusciti a sviluppare un’arte così varia, che combina insieme una così grande varietà di stili e tecniche senza perdere la propria identità. Un pezzo di Bregovic può essere riconosciuto al primissimo ascolto e sembra sempre diretto al mondo intero, senza distinzione di razza, sesso, età e religione.

Per l’occasione all’album hanno partecipato voci meravigliose ed esplosive: Bebe, Riff Cohen, Rachid Taha, Asaf Avidan.

 

Lunedì 19 Febbraio 2018 l’Orchestra Filarmonica di Bologna (OFBO) suonerà sotto la direzione di Antonio Mendez, che ha attirato l’attenzione della critica e del pubblico vincendo il primo premio al prestigioso concorso “Nikolai Malko Competition for Young Conductors” a Copenhagen e che, nonostante la sua giovane età, ha già diretto le più famose orchestre internazionali.

Accanto a lui l’atteso ritorno di Dmitry Masleev, giovanissimo vincitore dell’ultima edizione dell’International Tchaikovsky Competition.

Masleev interpreterà il Concerto per pianoforte e orchestra n. 2 in do minore, op. 18 di S. Rachmaninov. Seguirà l’indimenticabile Sinfonia n. 4 in mi minore, op. 98 di J. Brahms.

 

Come di consueto un piccolo anticipo per Marzo.

Lunedì 12 Marzo 2018 l'Orchestra Filarmonica di Bologna sarà diretta da Gábor Takács-Nagy, fondatore del celebre Quartetto Takacs e che ricopre gli incarichi di direttore dell’Orchestra Sinfonica MAV di Budapest e della Camerata Manchester. Il direttore sarà affiancato dalla celebre pianista Valentina Lisitsa.