La Riviera del Conero
La Riviera del Conero

Ancona, 19 giugno 2018 - "Il mare più bello 2018"? Nelle Marche è quello della Riviera del Conero. A stabilirlo la guida annuale di Legambiente e Touring Club Italiano che racconta le più belle località balneari del Paese e una serie di località lacustri. La Riviera del Conero si ferma a un passo dalle cinque vele e unico territorio della costiera adriatica ad averne ottenute ben quattro: «Un vero e proprio gioiello naturalistico – dicono da Legambiente – dove la cultura e l’architettura si mescolano con la bellezza delle spiagge e della macchia verde mediterranea tutelata grazie al lavoro svolto dal Parco Regionale del Conero».

In regione guadagnano 3 vele, una in più dello scorso anno, Grottammare, Cupra Marittima e San Benedetto del Tronto. Due vele, invece, per Pedaso, Porto Potenza Picena, Porto Recanati, Porto San Giorgio, Porto Sant’Elpidio, Fano, Gabicce Mare e Senigallia.

PORTONOVO

LEGGI ANCHE Il sindaco di Numana Tombolini: "Emozionare il turista per vincere ancora"

Nella sezione dedicata alle località regine del turismo lacustre, direttamente dal cuore marchigiano del Parco Nazionale dei Monti Sibillini, compare con 4 vele il lago di Fiastra, che conquista una vela in più rispetto allo scorso anno.

A caratterizzare ulteriormente la guida, tra le pagine de Il Mare più bello, compare anche quest’anno ‘Il consiglio di Legambiente’: per raccontare il territorio ‘da vicino’, i circoli locali dell’associazione hanno segnalato gli aspetti più belli, le caratteristiche più speciali e i tesori nascosti della loro terra come ad esempio, nella sezione marchigiana, la spiaggia di Mezzavalle, Spiaggia Urbani e la Spiaggia delle Due Sorelle. Inoltre, non poteva mancare la segnalazione del mosciolo di Portonovo, del Verdicchio e del Rosso Conero. Ma sono anche indicati i comuni nell’entroterra, tra cui Loreto, Recanati, Osimo, Offagna e Castelfidardo.

BANDIERE BLU MARCHE_30914659_161408

Alla base della selezione ci sono le analisi e le valutazioni della Goletta Verde, che per il secondo anno consecutivo assegna le «vele» non più alle località balneari ma a interi comprensori turistici. Una particolare attenzione è rivolta, inoltre, alle possibilità di escursioni, immersioni, percorsi in bicicletta, noleggio di canoe, luoghi che meritano una visita speciale o piccole esperienze che sarà difficile dimenticare. Il racconto delle località costiere, insomma, è integrato con proposte e consigli per una vacanza verde, di sole e di mare ma anche, per chi vuole, di attività fisica.

«La Guida Blu è un’occasione importante e proficua per valorizzare la bellezza e la potenzialità del territorio e mette al primo posto la sostenibilità ambientale che dà speranza, genera sana economia e qualità per tutta la nostra regione» dice Francesca Pulcini, presidente di Legambiente Marche.