Cinema anni Ottanta Il festival si allarga e approda anche alla Mole Attesi Verdone e De Sica

Il sindaco Silvetti: "Siamo pronti a raccogliere questa sfida, grande visibilità". Il primo cittadino di Numana, Tombolini: "Vogliamo coinvolgere tutto il territorio".

Cinema anni Ottanta  Il festival si allarga  e approda anche alla Mole  Attesi Verdone e De Sica

Cinema anni Ottanta Il festival si allarga e approda anche alla Mole Attesi Verdone e De Sica

Una festa dedicata al cinema degli anni Ottanta, un film lungo due giorni: è il Conero Festival, che si è concluso sabato notte a Numana, dove si sono radunati alcuni dei più popolari protagonisti di una stagione miticamente pop. Un’edizione zero, bagnata dalla pioggia nella prima serata, che ha decisamente conquistato il pubblico e, soprattutto, fatto parlare in tutt’Italia della Riviera del Conero. Un successo che, adesso, è pronto ad allargarsi e già il prossimo anno potrebbe diventare di una o due settimane coinvolgendo anche Ancona. E’ questa la novità rispetto alle anticipazioni del direttore artistico Enrico Vanzina duranta la presentazione del festival che aveva parlato di puntare anche a Sirolo e Porto Recanati. E a confermare come il festival dedicato agli anni Ottanta arrivi ad Ancona è proprio il sindaco Daniele Silvetti: "Questa prima edizione ha mentanuto le promesse e noi saremo pronti il prossimo anno a raccogliere questa sfida. Un festival che aumenta la visibilità di tutto il territorio e porta concrete possibilità di crescita dal punto di vista turistico e anche economico". Il prossimo anno il capoluogo dovrebbe ospitare una o due serate alla Mole.

Soddisfatto e felice il primo cittadino di Numana Gianluigi Tombolini: "E’ andato tutto bene. Dispiace per aver dovuto trasferire tutto all’interno del cinema lasciando tante persone fuori. Ora pensiamo già al prossimo anno. Vogliamo coinvolgere altre realtà e Ancona ha già dato il suo parere favorevole. Il festival potrebbe diventare di una o due settimane e nelle nostre intenzioni c’è anche quello di vedere al nostro fianco case cinematografiche e anche l’Università Politecnica delle Marche. Un progetto di grande respiro che già in questa prima edizione ci ha consentito di avere un’enorme visibilità".

Confermato il direttore artistico Enrico Vanzina che ha ribadito come "tra i giovani è scoppiata una vera mania per quei film. Provano persino nostalgia, come se quel periodo lo avessero vissuto". E poi ha svealto un desiderio: "Vorrei gicare un film con Verdone, mi ha dato la sua parola". Questa prima edizione ha avuto tra gli ospiti Ezio Greggio, Jerry Calà, Gabriella Germani, Masssimo Ghini, Marco Marzocca, Eleonora Giorgi, Daniela Bianchi e Giampiero Mughini.

Alfredo Quarta