Senigallia, incidente sulla complanare: muore Claudio Brocanelli (Foto Effimera)
Senigallia, incidente sulla complanare: muore Claudio Brocanelli (Foto Effimera)

Senigallia (Ancona), 11 agosto 2019 - Uno schianto violentissimo, poi una carambola e le fiamme che divorano completamente l’auto. Una scena raccapricciante (foto) quella che si è presentata agli occhi dei soccorritori, i primi, ad arrivare sul posto dopo l’incidente. All’interno dell’auto c’era il corpo di un uomo completamente carbonizzato.

E’ stato un sabato pomeriggio maledetto, quello di ieri lungo il braccio nord della complanare, l’arteria a scorrimento veloce nord-sud di Senigallia, che va dal casello autostradale fino a via Mattei. Il tragico schianto, che ha coinvolto in tutto cinque automobili, si è verificato a metà del tracciato, all’altezza, in linea d’aria, dell’Eurospin, tra i quartieri della Cesanella e del Vivere Verde.

Erano circa le 18.45. A quell’ora la complanare è sempre molto trafficata, ma ieri lo era anche di più. La città, invasa dal popolo pacifico del Summer Jamboree, era già intasata di traffico e la complanare era la strada più pratica per chi deve bypassare il centro cittadino. La dinamica dello schianto è ancora in corso di accertamento, ma secondo le prime indiscrezioni le due auto a dare origine allo scontro sono state una Porsche Carrera, condotta da un uomo, e una Opel Corsa, a bordo della quale c’era la vittima. Le due auto si sono scontrate in un tremendo frontale che ha scaraventata lo Opel Corsa direttamente contro il guardrail. Un impatto violentissimo che ha subito incendiato la vettura.

false

Pochissimi istanti e l’auto era completamente avvolta dalle fiamme. Non c’è stato scampo per l’uomo che era al volante. La Porsche, invece, ha effettuato di rimbalzo, un testa coda, anche lei finendo contro il guardrail ma fortunatamente con un impatto meno devastante. La Porche è andata distrutta nella parte anteriore ma l’uomo alla guida si è salvato.

Lo scontro frontale tre le due auto di riflesso ha colpito altre tre auto che stavano transitando, per fortuna senza conseguenze per i passeggeri. Di queste l’auto più danneggiata è risultata una Fiat Panda, il cui conducente è rimasto illeso. Immediatamente sono scattate le richieste di soccorso mentre le fiamme divoravano l’Opel, sotto gli occhi impotenti degli altri automobilisti. Subito sono arrivate le ambulanze del 118, l’eliambulanza e i Vigili del Fuoco di Senigallia che hanno spento il rogo. All’interno della Opel è stato estratto il corpo carbonizzato di un uomo.

Impossibile risalire subito all’identità. Fino a ieri sera, dalla targa, la Polstrada, intervenuta per i rilievi, ha potuto stabilire che la vettura è intestata a Claudio Brocanelli, 48 anni, di Montale di Arcevia. L’uomo alla guida della Porche è stato invece trasferito in gravi condizioni all’ospedale regionale di Torrette: A.S., 56 anni di Senigallia, ha le gambe spezzate e ora rischia l’amputazione.

La Municipale ha chiuso la complanare al transito per circa due ore. La densa colonna di fumo nero proveniente dalla Opel Corsa è stata visibile per diverso tempo da varie zone della città, suscitando sgomento e apprensione non solo fra gli automobilisti ma anche fra i passanti.