Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
14 giu 2022

Coltellate, l’aggressore espulso dalla zona urbana

Violenza al maxiparcheggio, dopo il provvedimento dei carabinieri arriva il Dacur del Questore: per due anni il 25enne non potrà andare in centro

14 giu 2022
I carabinieri al maxiparcheggio di via Colombo
I carabinieri al maxiparcheggio di via Colombo
I carabinieri al maxiparcheggio di via Colombo
I carabinieri al maxiparcheggio di via Colombo
I carabinieri al maxiparcheggio di via Colombo
I carabinieri al maxiparcheggio di via Colombo

E’ stata una serata infuocata venerdì scorso quando i carabinieri di Osimo avevano denunciato un 25enne macedone responsabile di una violenta aggressione nel maxiparcheggio. La vittima 22enne, portata subito a Torrette, aveva avuto 30 giorni di prognosi oltre alla necessità della ricostruzione del tendine della mano. Il 25enne si sarebbe poi scagliato contro l’auto del ragazzo fuggito, bucando le gomme e rompendo i finestrini e gli specchietti. Poi se n’era andato. Una pattuglia del Norm era arrivata subito sul posto. Nel giro di poco i militari sono riusciti a rintracciare l’aggressore che intanto era andato a cambiarsi a casa sua. L’hanno arrestato e portato in caserma. Si sarebbe trattato di un regolamento di conti. Ieri il questore di Ancona Cesare Capocasa ha firmato il Daspo urbano nei confronti del giovane che è sottoposto all’obbligo di firma in caserma a Osimo, su disposizione dell’autorità giudiziaria. Dall’analisi dei precedenti di Polizia del 25enne infatti è emerso che aveva già gravi precedenti specifici. Dopo l’istruttoria della Divisione Anticrimine quindi nei suoi confronti è stato disposto il D.Ac.Ur. (divieto di accesso alle aree urbane) per due anni per la zona del maxiparcheggio nell’area circoscritta dalla Settempedana, da via Cristoforo Colombo e da via Giacomo Brodolini, con divieto di stazionamento nelle immediate vicinanze degli stessi, zone individuate anche in considerazione della mancanza della presenza di attività pubbliche o private che possono essere necessarie al soddisfacimento di esigenze primarie. Il Daspo urbano, rappresenta la misura di prevenzione più idonea a frenare i comportamenti pericolosi per l’ordine e la sicurezza pubblica per impedire altri reati soprattutto da parte di soggetti che sono stati segnalati per comportamenti violenti. La violazione del divieto è punita con la reclusione da sei mesi a due anni e con la multa da ottomila a ventimila) euro.

Silvia Santini

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?