Coppa Italia, l’Osimana debutta negli ottavi di finale contro gli umbri dell’Atletico Bmg

L'Osimana esordisce nella Coppa Italia di Eccellenza contro l'Atletico Bmg. L'attacco sarà indebolito, ma la squadra è motivata dopo la vittoria di domenica. La partita di ritorno è il 28 febbraio.

Un San Valentino storico per il pallone "senzatesta". E’ il giorno dell’esordio per l’Osimana nella fase nazionale della Coppa Italia di Eccellenza. Oggi alle ore 15 i giallorossi ospiteranno al Diana gli umbri dell’Atletico Bmg (società nata dalla fusione tra Massa Martana e Nuova Gualdo Bastardo, tre i comuni interessati Bastardo, Massa Martana e Gualdo Cattaneo) per la partita di andata degli ottavi di finale. Servirà il calore del pubblico, magari simile a quello di Senigallia della notte magica del 21 dicembre, quando i giallorossi alzarono al cielo la Coppa regionale stendendo la Maceratese. "Tutti allo stadio, San Valentino con il primo amore" l’invito degli ultras. Servirà il tifo alla squadra del duo Aliberti-Labriola, perché l’Osimana che andrà a sfidare oggi la squadra umbra sarà una squadra spuntata. Per squalifica mancherà quasi tutto l’attacco: assenti bomber Alessandroni, Tittarelli e Pasquini, oltre agli infortunati di lungo corso Ambanelli e Triana. L’Atletico Bmg ha sfruttato un giorno di riposo in più visto che è sceso in campo in campionato sabato, sul campo del Nestor, pareggiando 2-2 grazie alle reti di Valentini e di Sciacca su rigore, quest’ultimo uno dei giocatori più rappresentativi della formazione allenata da mister Farsi, ex Fabriano Cerreto, che può contare sul portiere Battistelli, ma anche sui vari Proietti, Paciotti e Angeli. L’Atletico Bmg nella finale regionale ha sconfitto il Pontevalleceppi per 3-1, identico risultato dei "senzatesta". Morale alto nell’Osimana, ancora di più dopo la vittoria di domenica a Montegranaro, grazie al rigore di Alessandroni nel primo tempo. Oggi conterà segnare, ma soprattutto non subire, perché i gol in trasferta valgono doppio. La partita di ritorno è fissata per mercoledì 28 febbraio, alle ore 15, a Bastardo.